Emilia Romagna, fino al 6 marzo lezioni in presenza al 50% per le scuole secondarie di II grado. Nota Usr

Stampa

Le scuola superiori in Emilia Romagna proseguiranno le lezioni in presenza al 50% fino al 6 marzo. Lo precisa una nota inviata dall’Ufficio Scolastico Regionale in cui spiega i motivi di tali indicazioni operative.

Nell’aggiornamento tecnico ricevuto in data odierna, osservato che nelle due ultime settimane – sulla base di campioni random esaminati nell’ambito della survey nazionale – si legge nel testo della nota -si registra in regione un incremento di 10 punti percentuali della incidenza di casi della variante inglese, la predetta Direzione rappresenta che: “... anche tenuto conto del maggior riferito interessamento della popolazione giovanile da parte della variante inglese appare raccomandabile la non variazione delle condizioni nelle quali viene garantita la frequenza scolastica al momento attuale…”.

Alla luce di quanto rappresentato a questo Ufficio, confermati i principi di ragionevolezza, prudenza e congruenza territoriale – d’intesa con il Presidente della Regione Emilia-Romagna e con la Prefettura di Bologna – si valuta opportuno che, da lunedì 22 febbraio e fino a sabato 6 marzo p.v., le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado seguitino a garantire l’attività didattica in presenza al 50%, in attuazione di quanto definito dai piani operativi predisposti con il coordinamento delle Prefetture e in conformità alle disposizioni vigenti.

LA NOTA

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi