Emilia Romagna, Bonaccini avverte: “La scuola meglio in presenza, ma se i contagi aumentano bisognerà cambiare strategia”

Stampa

“Ci siamo battuti tutti per il  ritorno a scuola in presenza, me compreso, però viviamo nel mondo reale non ideale. I presidenti di Regione hanno la potestà di prendere decisioni che siano restrittive rispetto ai Dpcm. I contagi aumentano e noi dobbiamo trovare le migliori soluzioni possibili”.

Così, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, in collegamento durante la trasmissione Tv su Rai 1 ‘Oggi è un altro giorno’.

“Ieri abbiamo aggiunto altri 120 bus privati per il trasporto degli studenti – prosegue -, in tutto abbiamo realizzato un incremento di 400 corse. Abbiamo deciso di garantire la didattica in presenza per elementari e medie” e cercare soluzioni più flessibili “per superiori  e università” e di “scaglionare gli ingressi” in modo da non affollare i bus.

“Però se i casi aumentano – mette in chiaro Bonaccini -, arrivati a un certo limite decideremo cosa fare”.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!