Emendamento per ripristino Storia dell’arte bocciato alla Camera dei Deputati

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

inviato da  Marinella Galletti, Presidente Artem Docere  – L’ emendamento al Disegno di Legge di conversione del decreto-legge 12 settembre 2013 n. 104, “recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (C. 1574-A)” presentato  il 31 ottobre alla Camera dei Deputati dall’ Onorevole Celeste Costantino, per il “ripristino della Storia dell’ arte nella scuola secondaria”  non ha trovato ascolto.

inviato da  Marinella Galletti, Presidente Artem Docere  – L’ emendamento al Disegno di Legge di conversione del decreto-legge 12 settembre 2013 n. 104, “recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (C. 1574-A)” presentato  il 31 ottobre alla Camera dei Deputati dall’ Onorevole Celeste Costantino, per il “ripristino della Storia dell’ arte nella scuola secondaria”  non ha trovato ascolto.

L’ emendamento per la "re-introduzione della storia dell’arte  e di altre materie come latino e geografia”, proposto in seguito alla “raccolta di 15.000 firme”  è stata bocciato, respinto dalla Camera dei Deputati.

La motivazione è stata che mettere le mani sulla riforma Gelmini “re-introducendo certe materie significherebbe aumentare una spesa che è stata tagliata perché il paese non è in grado di sostenere".

Ricordiamo amaramente che la riforma ha congiuntamente svuotato il ruolo formativo ed educativo delle pratiche grafico-descrittive in tutti i settori dell’ istruzione, imponendo alla Scuola Italiana la rinuncia alla propria matrice storica e culturale, che ha sede nella civiltà del Rinascimento, nell’ Arte, e culmine intellettuale nell’ esercizio del Disegno.
Storia dell’ arte è disciplina trasversale ai saperi e culmine intellettuale dei saperi stessi, espressione al vertice dell’ intera cultura e storia del nostro Paese. Richiede di essere studiata per tutta la durata del quinquennio e in tutti gli ambiti educativi, per le opportunità formative che accrescono la “consapevolezza di sé e dell’appartenenza storico artistica territoriale”; per la tutela del Patrimonio; per la costruzione di un mondo realizzato tra chi produce arte e chi la fruisce; per la condivisione dei saperi alla base di questa relazione, sola condizione che può favorire l’ accrescimento sociale e lo sviluppo di un paese.

L’interesse della Nazione verso il nostro immenso patrimonio storico-artistico non può prescindere dalla sua conoscenza; né si può prescindere dal ruolo educativo svolto nell’ ambito scolastico.
Per queste ragioni, vorremmo sottolineare la necessità di accrescere la "voce e il corpo " della “battaglia culturale necessaria a questo Paese”, per la sua rinascita culturale ed economica.
“Battaglia” che ormai sappiamo per esperienza non trova risposte se limitata alla “raccolta di firme”, pur necessaria.
Né se condotta da singoli soggetti, o da “avanguardie” di pochi che pur non si lasciano demotivare dalla inverosimile cecità di chi ci amministra.

Artem Docere è un Movimento Culturale ed è uno Strumento.
Unico, in Italia, per la capacità di interpretare le “specificità” dell’ ambito educativo dell’ arte; per le competenze messe in “campo” al servizio della convergenza della professionalità docenza artistica, nel nostro Paese, e “fondato strategicamente” per perseguire e ottenere in restituzione la nostra stessa matrice storico culturale, che si realizza con il “diritto all’ educazione all’ arte” per tutti i cittadini italiani.

Le lacune educative imposte dalla riforma  vanno studiate nei tecnicismi stessi della riforma. Vanno indagate e agite e contro-dibattute attraverso l ‘azione sinergica di tutte le intelligenze che in questo Paese non vogliono lasciar cadere nel vuoto la tutela dell’ educazione all’ arte: per questo nasce Artem Docere.
Per la convergenza delle azioni di tutte le intelligenze, della docenza artistica, e di tutte le “voci” che concorrono alla crescita culturale ed economica in questo Paese, artisti, autori, studiosi, docenti, studenti e fruitori.

La “battaglia culturale” per la restituzione di Disegno e Storia dell’ arte, sempre avanzata, ricomincia da adesso.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio