Elio: “Genitori di figli autistici ancora abbandonati e lo saranno ancora per tanto tempo, ma PizzAut è un esempio di riscatto”

WhatsApp
Telegram

In occasione della presentazione del piano di espansione e inclusione sociale di PizzAut a Milano, Elio, il celebre frontman di Elio e le Storie Tese, ha condiviso riflessioni toccanti sulla situazione dei genitori di figli autistici in Italia.

“I genitori dei figli autistici continuano ad essere abbandonati e penso che saranno abbandonati ancora per tantissimo tempo,” ha dichiarato Elio con amarezza. Tuttavia, il musicista ha voluto sottolineare un aspetto positivo: “Quello che sta accadendo è che alcuni si rimboccano le maniche e mettono in piedi attività fantastiche. PizzAut è una di quelle.”

PizzAut, un’associazione che promuove progetti di inclusione e sensibilizzazione sull’occupabilità delle persone autistiche, è stata elogiata da Elio come un esempio brillante di iniziativa genitoriale. L’evento, organizzato in collaborazione con PwC, ha messo in luce l’importanza di tali progetti nel panorama dell’inclusione sociale.

Elio ha poi approfondito il suo pensiero: “Eravamo e siamo ancora abbandonati come genitori. Penso che questa situazione perdurerà per molto tempo.” Nonostante questa prospettiva pessimistica, il cantante ha evidenziato come molti genitori stiano reagendo positivamente: “Alcuni si rimboccano le maniche, come si usa dire, e mettono in piedi attività fantastiche. PizzAut è una delle tante.”

Il musicista ha sottolineato come, nel corso dei suoi viaggi e della sua attività, incontri quotidianamente “esponenti di associazioni che si sono inventati cose, attività, luoghi molto utili.” Poi ha elogiato in particolare Nico Acampora, fondatore di PizzAut, definendolo “uno dei più bravi” tra questi genitori intraprendenti.

“PizzAut fortunatamente ormai ha un nome che tutti conoscono,” ha concluso Elio, evidenziando il successo e la visibilità raggiunti dall’iniziativa.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA