Elio contro le classi differenziali: “Un’idea vecchissima, l’inclusione è l’unica strada”

WhatsApp
Telegram

In un’intervista rilasciata a Walter Veltroni per il Corriere della Sera, Elio, frontman degli “Elio e le Storie Tese”, ha espresso la sua ferma opposizione all’idea delle classi differenziali proposta dal generale Vannacci.

“È un’idea vecchissima, superata dall’esperienza”, ha dichiarato il cantante. “Quello che fa bene è l’inclusione. È quello che deve accadere per portare benefici ai nostri figli. Bisogna che questi ragazzi siano aiutati a crescere insieme agli altri. Non separati”.

Elio ha sottolineato come l’inclusione scolastica non sia solo un vantaggio per gli studenti con disabilità, ma per l’intera comunità scolastica: “E questo fa bene a tutti, l’obiettivo è quello dell’autonomia e dell’indipendenza, per quanto possibile”.

Al contrario, il cantante ha messo in guardia contro i pericoli della segregazione: “Il percorso delle classi differenziali invece porta alla ghettizzazione”.

Con queste parole, Elio si aggiunge al coro di voci che si sono levate contro la proposta di Vannacci, ribadendo l’importanza dell’inclusione come strumento fondamentale per la crescita e lo sviluppo di tutti gli studenti.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri