Eliminate dalla legge di stabilità alcune norme che interessano la scuola

WhatsApp
Telegram

La Commissione Bilancio ha deciso di stralciare alcune norme che interessano  la scuola.

Le norme stralciate dovrebbero rientrare in provvedimenti ad hoc.

Il primo riguarda il finanziamento una tantum destinato all'INVALSI. 10 milioni per il 2014, che servivano a stabilizzare decine di lavoratori precari che lavorano per l'ente di formazione: nessun piano di assunzioni straordinario per loro.

Tagliati anche 5 milioni per gli istituti musicali pareggiati e 1 milione per le accademie non statali di belle arti.

La Commissione Bilancio ha deciso di stralciare alcune norme che interessano  la scuola.

Le norme stralciate dovrebbero rientrare in provvedimenti ad hoc.

Il primo riguarda il finanziamento una tantum destinato all'INVALSI. 10 milioni per il 2014, che servivano a stabilizzare decine di lavoratori precari che lavorano per l'ente di formazione: nessun piano di assunzioni straordinario per loro.

Tagliati anche 5 milioni per gli istituti musicali pareggiati e 1 milione per le accademie non statali di belle arti.

Eliminato anche il comma 31 dell’articolo 24, che consentiva alle Regioni di poter procedere all’aggiudicazione provvisoria dei lavori di edilizia scolastica entro il 28 febbraio 2015, norma che serviva per accelerare i cantieri di edilizia scolastica.

Cassati anche i finanziamenti, 100 milioni di euro, per gli LSU di Napoli e Palermo, che garantiscono le pulizie nelle scuole.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur