Eliminare materie di studio, proposta ANP. Esiste già in Finlandia. Tu cosa ne pensi? Sondaggio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Ha fatto il giro del web il nostro articolo pubblicato nella giornata di ieri sulla proposta dell’Associazione Presidi che chiede l’abolizione delle materie ed un insegnamento per argomenti.

La proposta dell’ANP

Durante il convegno “La scuola del futuro al MAXXI – Bellezza, efficacia, sicurezza”, il presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, Antonello Giannelli, ha lanciato una proposta al cospetto della presenza del Ministro Bussetti e di altri importanti esponenti della maggioranza.

La richiesta è di è abolire le materie, (Italiano, Matematica, Scienze, Chimica etc) dicendo addio ad un insegnamento per discipline e istituire invece un insegnamento per argomenti.

Cosa significa eliminare le materie e insegnare per argomenti?

Non sappiamo se il presidente ANP si riferisse al modello finlandese quando ha avanzato l’ipotesi di abolizione delle materia, di certo è che lì il metodo è adottato già dal 2016.

In pratica, gli studenti non affrontano le materie in modo classico, ma scelgono un tema che li interessa e la scuola organizza una didattica attorno ad esso sia in aula che in esterna, con il coinvolgimento di una didattica “di realtà”.

Un metodo di apprendimento basato sui “fenomeni” che punta ad insegnare attraverso l’esperienza e la sperimentazione, oltre che allo studio classico.

L’approccio, ovviamente, è interdisciplinare e parte integrante è l’utilizzo delle tecnologie che vanno dal computer, al tablet al cellulare per effettuare ricerche o utilizzare strumenti utili per le eventuali sperimentazioni. L’attualità in questo tipo di didattica la fa da padrone.

Tu cosa ne pensi?

Molti i possibili pro e contro di questa rivoluzione nella didattica, che già ieri ha fatto discutere i docenti sui social. Esprimi la tua idea partecipando al nostro sondaggio.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione