Elezioni RSU, compiti delle Istituzioni scolastiche. Cosa non possono fare

WhatsApp
Telegram

Le Istituzioni scolastiche, nell’ambito delle elezioni per il rinnovo delle rappresentanze sindacali unitarie (RSU), svolgono alcuni compiti che sono di fondamentale importanza per lo svolgimento e la riuscita delle medesime elezioni. Vediamo quali.

Calendario

Le elezioni per il rinnovo delle RSU si svolgeranno il 5, 6 e 7 aprile 2022. Lo scrutinio si svolgerà l’8 aprile.

Le operazioni elettorali, come leggiamo nel calendario di cui al Protocollo del 7 dicembre 2021, sono iniziate il 31 gennaio con l’annuncio delle elezioni.

Il calendario completo:

Compiti dell’Istituzione scolastica

Questi i compiti delle Istituzioni scolastiche:

  • favorire la più ampia partecipazione dei lavoratori alle operazioni elettorali, informandoli tempestivamente dell’importanza delle elezioni;
  • favorire l’affluenza alle urne mediante una adeguata organizzazione del lavoro;
  • dare supporto logistico, affinché le votazioni si svolgano regolarmente;
  • garantire la sicurezza e la tutela della salute dei lavoratori, con particolare riferimento ai componenti la Commissione elettorale, scrutatori ed altro personale coinvolto, considerata anche la situazione epidemiologica in atto e il vigente stato di emergenza;
  • consegnare alle OO.SS., che ne facciano richiesta, gli elenchi alfabetici generali degli aventi diritto al voto (elettorato attivo) distinti per sesso e, se possibile, corredati dagli indirizzi personali di posta elettronica istituzionale;
  • a richiesta delle OO.SS., consegnare sottoelenchi, suddivisi con le stesse modalità degli elenchi generali, distinti in relazione ai luoghi di lavoro, che possono essere possibili seggi elettorali distaccati;
  • consegnare alla Commissione elettorale gli elenchi di cui ai punti precedenti;
  • mettere a disposizione:

– i locali per la Commissione Elettorale;
– i locali per il voto;
– il materiale cartaceo o strumentale (anche informatico) per lo scrutinio (penne, urne …);
– la stampa del “modello” della scheda predisposta dalla Commissione Elettorale;
– la stampa delle liste dei candidati da affiggere all’ingresso dei seggi;

  • curare la sicurezza e sorveglianza dei locali dove si vota, soprattutto dopo la chiusura;
  • curare l’integrità delle urne sigillate fino allo scrutinio, utilizzando ogni mezzo utile a disposizione.

Cosa non possono fare le istituzione scolastiche

Le istituzioni scolastiche non possono entrare nel merito delle questioni riguardanti le operazioni elettorali, in quanto si tratta di un “fatto endosindacale“, per cui le stesse (scuole) non hanno al riguardo compiti di natura consultiva, di verifica e controllo sulla legittimità dell’operato della Commissione e sui relativi adempimenti elettorali.

Circolare ARAN n. 1/20200

Protocollo 7 dicembre 

Accordo Collettivo Quadro del 7 agosto del 1998 

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio