Elezioni organi collegiali, il Ministero: in presenza, ma ok ad assemblee a distanza

Stampa

Le elezioni degli Organi collegiali delle scuole non sono rinviabili. Sono infatti un obbligo previsto dalle norme e sono necessarie per garantire Organi pienamente legittimi e in grado di produrre deliberazioni altrettanto legittime. Sono inoltre fondamentali per la vita democratica delle scuole e per la partecipazione attiva delle famiglie, delle studentesse e degli studenti.

Lo sottolinea il Ministero dell’Istruzione, rispondendo alle perplessità espresse da alcuni Sindacati.

Ferma restando la possibilità dello svolgimento con modalità a distanza delle assemblee, con riferimento alla possibilità di votazioni elettroniche, il Ministero, nel rispetto dei principi che dispongono la libertà e la segretezza del voto, precisa che si tratta senz’altro di una prospettiva su cui lavorare, che impone però una previa compiuta riflessione sulla valutazione e sulla implementazione di tutte le forme di semplificazione ed efficientamento delle procedure ordinarie delle Istituzioni scolastiche.

Obiettivo del Ministero è la modernizzazione del sistema scolastico. Un processo che riguarderà anche le votazioni per gli Organi collegiali con lo scopo di cercare, fra l’altro, di ampliare la partecipazione al voto. L’Amministrazione ministeriale è pronta a confrontarsi e a collaborare con le Organizzazioni sindacali in vista del prossimo anno, per l’adozione di tutti quegli atti che possano sviluppare e migliorare il sistema nazionale di istruzione e formazione.

Nel frattempo, per quest’anno, le votazioni si svolgeranno in presenza nel rispetto di tutte le indicazioni e dei Protocolli sanitari.

Elezioni organi collegiali 2020/2 entro 30 novembre, indicazioni: dai prodotti igienizzanti alla temperatura corporea

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia