Elezioni, Luccisano (ex responsabile segreteria tecnica Miur): assumere docenti non porta consenso. Eccone la dimostrazione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La scuola in campagna elettorale? Meglio non metterla al centro dei programmi. La pensa così Francesco Luccisano, responsabile della segreteria tecnica del Miur quando fu decisa l’obbligatorietà dell’Alternanza scuola-lavoro. 

Ne parla lo stesso Luccisano su “Linkiesta“, il quale lo dice chiaramente: la scuola non porta consenso, ragion per cui non conviene metterla al centro dei programmi elettorali.

Non porta consenso assumere (vedi piano straordinario, conseguenti polemiche scaturite dopo la mobilità straordinaria e la divisione tra le varie categorie di precari) né tanto meno offrire alle famiglie una scuola di qualità, fondata sulla valutazione dei docenti.

La dimostrazione di quanto suddetto – afferma Luccisano – è che, per conoscere le proposte dei partiti sulla Scuola, “bisogna spulciare i programmi dei vari partiti sui siti per trovarne tracce più concrete.”

I programmi dei partiti per le prossime elezioni:

Fratrelli d’Italia, Sigillò: abolire chiamata diretta, risolvere questione diplomati e scienze formazione. Dirigenti tornino a fare i presidi. Tutti i punti

Centemero (FI): incentivare competizione tra pubblico e privato, libri gratis, sì ai licei in 4 anni, stem fin dalla primaria

M5S programma elezioni: docenti assunti con concorso ma FIT ridotto a due anni, no finanziamenti scuole private, aumento fondo di istituto

Elezioni 2018, Liberi e Uguali: riconoscere malattie professionali docenti, rivedere stipendio a livelli europei

Elezioni 2018. Impegni del PD per la scuola: dal tempo pieno al sud a potenziamento e fase transitoria per infanzia e primaria

Scuole paritarie, Aprea-Gelmini: libertà scelta educativa primo punto nostra azione politica

Liberi e Uguali: retribuzioni dignitose, basta precariato, no Invalsi, obbligo scolastico fino all’ultimo anno delle superiori

Elezioni 2018, Meloni (Fratelli d’Italia): abolire “buona scuola”, legge ingiusta. Ha massacrato persone

Lega, Pittoni: assunzione su base regionale per docenti con domicilio professionale

Elezioni 2018, Potere al Popolo: 20 alunni per classe, più tempo pieno, adeguamento salariale, no dirigente-manager

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare