Elezioni CSPI il 13 aprile, Anief chiede di mantenere la data

Stampa

Elezioni CSPI, il sindacato Anief chiede di mantenere la data già stabilita per le elezioni del CSPI, previste per il prossimo 13 aprile 2021. 

Anief rammenta che Il 31 dicembre scorso scadeva il mandato del CSPI e già c’è stato un rinvio: per il sindacato ora non c’è alcuna ragione di rimandare il voto, visto che a gennaio è stata indicata dalla ministra Lucia Azzolina la componente non elettiva del CSPI, e che l’ordinanza che indice le elezioni è stata pubblicata sul sito del Ministero dell’Istruzione il 15 gennaio.

Il voto è previsto per il 13 aprile 2021

A tal proposito, nell’Ordinanza attuale si prevede il voto anche in caso di prolungamento dello stato di emergenza: il comma 2 dell’art 2 recita infatti “tenuto conto dell’evoluzione della situazione epidemiologica da COVID 19, con decreto del Direttore generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, potranno essere apportate modifiche alla presente ordinanza con riferimento alle modalità di propaganda elettorale, nonché allo svolgimento degli adempimenti previsti dalla parte III della presente mediante videoconferenza o altra modalità ritenuta idonea, oltre che alle modalità di voto.”

Anief: non è come il rinnovo RSU

II rinvio delle elezioni RSU è una misura si è resa necessaria per evitare che lo svolgimento della macchina organizzativa entrasse in contrasto con le misure di sicurezza previste per evitare il diffondersi del contagio da COVID. La procedura prevede infatti la raccolta di firme per la presentazione delle liste, acquisizione delle candidature e presentazione delle liste in tutte le scuole. Ma per le elezioni della componente CSPI la situazione è molto diversa, visto che le liste si presentano via PEC alla sola commissione centrale.

Secondo Anief serve, dunque, la pronta trasmissione di una Circolare di chiarimenti, peraltro già richiesta in data 25 gennaio e 17 febbraio, da inviare a tutte le scuole e a tutte le parti coinvolte, per consentite un tempestivo e regolare avvio delle procedure elettorali.

L’importanza del voto

Anief ricorda che il parere del Cspi è fondamentale nelle scelte che prende e nelle norme che approva l’amministrazione scolastica. Il rinnovo si attuerà, nel mese di aprile, dopo che il Ministero ha reso pubblica l’ordinanza, firmata dall’ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che reca indicazioni su termini e modalità delle elezioni delle componenti elettive del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione e sulle designazioni e nomine dei suoi componenti.

Anief ha presentato liste per tutti i cicli scolastici: dalla scuola dell’infanzia e primaria a quella secondaria, ma anche per il personale Ata, per le minoranze slovene, tedesche e valdostane. La loro elezione, dunque, servirà per potere dialogare con l’amministrazione sugli atti prima che siano emessi.

Per il sindacato è fondamentale nominare ed eleggere delle persone e candidati esperti: l’obiettivo è condurre un impegno ancora più concreto per la scuola italiana anche dentro l’amministrazione. A questo scopo Anief ha anche attivato una serie di incontri, di assemblee e seminari, durante i quali spiegherà il perché di questa scelta. Puntando su candidati in grado di produrre analisi, soluzioni coerenti e proposte che possono e devono migliorare il mondo della scuola e le modalità di chi ci lavora.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur