Elezioni anticipate? La scuola resterebbe 5 stelle. Raddoppio consensi Lega e recupera il PD

di Anselmo Penna
ipsef

item-thumbnail

Lanciato ieri un sondaggio sulla crisi economica e sulla preferenza di voto da parte dei docenti attraverso la piattaforma FaceBook.

Situazione politica

Oggi il Presidente della Repubblica inizierà, dopo le dimissioni di Conte, le consultazioni per cercare di formare un nuovo Governo.

Due le ipotesi in campo

Un Governo che veda un accordo tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico, con il supporto di altri partiti (si pensa ad una parte di Forza Italia) o elezioni anticipate, fortemente volute da Lega e Fratelli d’Italia.

Ieri ci siamo chiesti, in caso si realizzasse la seconda ipotesi, come voterebbe il mondo della scuola

Sondaggio del 2015

Nel 2015 abbiamo lanciato un analogo sondaggio che, dopo la riforma Renzi, aveva visto il crollo di consensi al Partito Democratico e l’impetuosa ascesa del Movimento 5 Stelle.

I risultati avevano evidenziato, come scritto nell’articolo, il drenaggio di voti dal Partito Democratico al Movimento 5 Stelle.

Anche SEL aveva superato il PD che si attestava al 6% a pari merito con la Lega, entrambi al 10%. Mentre il M5S si attestava al 74%.

Risultati del 2019

Il sondaggio di ieri ha visto 2.156 votanti in meno di 24 ore, con risultati che modificano l’assetto del 2015.

Infatti, il Movimento 5 Stelle ha visto diminuire pesantemente i consensi passando dal 74% al 42%. Sorprende il recupero del Partito Democratico con il 22% dei consensi, ben al di sopra della nostra consultazione precedente.

La Lega presenta un risultato che mostra l’impegno di questi anni nel cercare il consenso in un settore strategico come quello della scuola, raddoppiando la percentuale e collocandosi poco al di sotto del PD.

Infine, Fratelli d’Italia passa dall’1% del 2015 al 5%, mentre Forza Italia mantiene l1%.

Ecco i risultati del 2019

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione