Elezioni amministrative nelle aule scolastiche: i presidi non ne possono più

Stampa

I dirigenti scolastici protestano contro il lungo ponte che partirà giovedì 2 giugno per chiudersi martedì 7 giugno a causa delle elezioni, che come sempre si svolgeranno nelle aule scolastiche. 

I dirigenti scolastici protestano contro il lungo ponte che partirà giovedì 2 giugno per chiudersi martedì 7 giugno a causa delle elezioni, che come sempre si svolgeranno nelle aule scolastiche. 

Migliaia di scuole saranno chiuse nelle 1.351 città coinvolte nelle elezioni ammistrative come ad esempio  Roma, Milano, Napoli, Bologna, Cagliari, Trieste, ma anche nei piccoli centri.

A Torino si vota per rinnovare sindaco e giunta, ma a scuola si va lo stesso: secondo quanto riporta il quotidiano Repubblica alcuni plessi restano aperti anche il 2 giugno per recuperare i giorni che poi saranno persi lunedì 6 e martedì 7 giugno per verificare le schede. Le lezioni, come previsto dal calendario regionale, termineranno giovedì 9 giugno, in alcuni casi anche venerdì 10.
 
Intanto domenica 19 ci saranno i ballottaggi delle elezioni amministrative, poi il 22 cominciano gli esami del II grado.

A causa proprio dei ballottaggi la prova Invalsi di venerdì 17 giugno alla scuola media è stata anticipata su tutto il territorio nazionale a giovedì 16 giugno, spostando in qualche caso anche l'inizio degli esami della scuola media.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur