Elezioni 2022, Calenda: “Ai giovani non serve la dote, ma un’istruzione di qualità”

WhatsApp
Telegram

Il leader di Azione, Carlo Calenda, su Twitter, risponde all’idea lanciata dal Partito Democratico di una dote per i 18enni tramite una tassa patrimoniale sui redditi multimilionari. 

“Ai diciottenni non serve una dote ma un’istruzione di qualità e meno tasse sul lavoro. Azione aveva proposto di concentrare il taglio dello scorso anno sui ragazzi fino a 30 anni. Nessuno, dicasi nessuno, lo ha votato”.

E ancora: “Gli elettori chiedono coerenza e serietà. Queste elezioni si possono vincere se, come ha fatto Draghi nel suo discorso al Senato, si è in grado di dire dei sì e dei no e indicare una rotta precisa. Basta aperture ai 5S, basta raccattarsi i 5S. Chiarezza di contenuti e coraggio”.

Letta (PD): “Diventeremo il primo partito dei giovani. Patrimoniale sui redditi multimilionari per dote ai 18enni”

 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur