Elezioni 2013, Grillo e la scuola a 5 stelle

Di
Stampa

red – Continua il nostro viaggio tra i programmi dei partiti e movimenti in vista delle elezioni di febbraio. Beppe Grillo, in giro Per l’Italia, ha messo la scuola come punti cardine del suo programma. Rispolvera il "don milanismo" e punta su tablet e scuola pubblica

red – Continua il nostro viaggio tra i programmi dei partiti e movimenti in vista delle elezioni di febbraio. Beppe Grillo, in giro Per l’Italia, ha messo la scuola come punti cardine del suo programma. Rispolvera il "don milanismo" e punta su tablet e scuola pubblica

Sono 5 i punti cardine del programma di Grillo per la scuola, 5 come le stelle del suo movimento:

  1. scuola pubblica: la scuola deve tornare, dice il comunico, nelle mani dello stato, laica e che favorisca il lavoro di squadra e  non la competizione
  2. scuola laboratorio di cittadinanza attiva: gli studenti, insieme alle famiglie e ai docenti, devono muovere i primi passi della loro "vita democratica"
  3. Don Milani: una scuola dove il merito dei docenti, ATA e studenti punti ad aiutare i più deboli
  4. scuola sicura: rispettosa delel normative antisismiche, efficiente da unpunto di vista energetico ed esteticamente piacevole
  5. scuola democratica: in cui vengano potenziati gli organi collegiali e venga data piena attuazione all’autonomia

Non mancano i progetti di informatizzazione e digitalizzazione delle scuole e della didattica: mettere in soffita gli zaini e dare un tablet ad ogni studente.

Lo speciale "Elezioni 2013"

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole