Elenco degli studenti nel registro di classe: i primi resteranno “primi”, lo dice uno studio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I primi nomi inseriti nel registro di classe appartengono ai più bravi delle classi, gli ultimi nomi nel registro sono degli studenti che hanno performance scolastica minori.

E’ quanto ha appurato una ricerca realizzato da Francesca Borgonovi, economista dell’Ocse, assieme a Maciej Jakubowski e Artur Pokropek , che hanno preso in considerazione sette diversi gruppi di studenti di scuola media , che hanno partecipato all’esame di fine ciclo in Polonia tra il 2005 e il 2011. Ne parla IlSole24Ore.

Lo studio ha rilevato che gli studenti primi in elenco vengono interrogati più spesso e quindi questo li porta a studiare di più, rispetto a chi è in fondo o in mezzo al registro. Questo è ancora più evidente per le ragazze, già di natura più ansiose e quindi più attente a non prendere brutti voti.

I ragazzi in fondo al registro sarebbero quindi meno monitorati e questo li penalizza, aumentando il livello di disattenzione durante le lezioni e la demotivazione: “Tanto non mi interroga”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione