Elena Murelli (Lega): sì a principio di autorità per i docenti ma devono guadagnarselo, stop alle mega assunzioni pre elettorali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Elena Murelli, candidata della Lega alla Camera, ha annunciato quelli che sono i punti cardine del programma del partito riguardanti la Scuola.

Secondo la Murelli, come riferisce “piacenza24.eu“, bisogna cancellare la riforma Renzi, eccetto l’Alternanza scuola-lavoro che va rivista, e bisogna inoltre:

  1. ridare dignità agli insegnanti;
  2. reclutare gli insegnanti su base regionale;
  3. introdurre il consto standard;
  4. dare un buono scuola per chi frequenta la scuola paritaria.

Riguardo al primo punto, la candidata della Lega precisa che è necessario riaffermare l’autorità dei docenti nei riguardi degli studenti e delle famiglie, autorità che i docenti devono guadagnarsi, anche per porre fine alle aggressioni di cui gli insegnanti stessi sono ormai vittime.

Per quanto riguarda il reclutamento, secondo la Murelli, non bisogna commettere l’errore di procedere a “mega assunzioni” a fini elettorali. Le immissioni in ruolo devono avvenire in base al merito e su base regionale con il domicilio professionale.  Ciò al fine di garantire la continuità didattica ed eliminare il pendolarismo degli insegnanti.

In ultimo, la candidata della Lega ricorda la proposta di riformare i cicli scolastici, consistente nella realizzazione di un ciclo unico per elementari e medie, e la riforma delle scuole secondarie di secondo grado. Il tutto finalizzato all’inserimento degli studenti nel modo del lavoro.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione