Educazione sessuale dalla quinta classe della primaria, Sasso contro Bonelli e Fratoianni: “Giù le mani dai bimbi”

WhatsApp
Telegram

“Educazione sessuale a partire dall’ultimo anno della scuola primaria. Lo prevede, stando a quanto rilanciato dalle agenzie di stampa, il programma sulla scuola della lista Verdi-Sinistra Italiana, uno dei principali alleati del PD alle prossime elezioni politiche”.

Così Rossano Sasso, sottosegretario del ministero dell’Istruzione.

“Per Bonelli e Fratoianni, quindi, le priorità del Paese non sono l’inflazione galoppante, il caro energia, l’immigrazione incontrollata, le politiche economiche e fiscali. No, asse portante del loro programma è l’indottrinamento sessuale di bambine e bambini di 9 e 10 anni, possibilmente promuovendo le più radicali teorie che inneggiano alla fluidità di genere e alla cancellazione dell’identità binaria”.

“Sarebbe interessante sapere cosa ne pensa il segretario del PD, Enrico Letta, e se è pronto a sposare i progetti educativi del duo Bonelli-Fratoianni nel nome dell’oltranzismo gender. Ecco, il programma sulla scuola proposto dalla sinistra è l’esempio plastico di ciò che si troveranno di fronte gli italiani il 25 settembre: una scelta di campo tra chi, come noi, è convinto che i bambini debbano essere protetti da qualsiasi tentativo di strumentalizzazione e condizionamento e chi, come la sinistra, vuole farli diventare dei semplici contenitori del massimalismo ideologico in campo sessuale. Giù le mani dai bambini! Sono convinto – sottolinea Sasso – che gli italiani sapranno farsi guidare dal buon senso”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur