Educazione motoria nelle scuole, Bardaglio (M5S): almeno 3 ore alla settimana per combattere l’ipocinesi

di redazione

item-thumbnail

Il M5S auspica che il Coni non si occupi più di progetti di natura educativa, ma torni a preparare le nazionali per i giochi olimpici, lasciando la scuola al Ministero dell’Istruzione. Lo scrive Mauro Bardaglio sul blog di Beppe Grillo.

L’autore scrive che in Italia per ipocinesi muoiono 82.000 persone all’anno. Il 14,6% delle morti italiane derivano da persone che non si muovono o si muovono pochissimo. L’ipocinesi porta a malattie come diabete, tumore alle mammelle per le donne e malattie cardiache, con un costo di circa 1,4 miliardi.

Occorre una riforma che porti il docente di scienze motorie nella scuola primaria e nella scuola dell’infanzia, che aumenti le ore di attività motoria e sportiva nella scuola:  un’ora al giorno di attività motoria e sportiva o tre ore settimanali almeno.

Altri due ministeri possono partecipare alla costruzione di una cultura sportiva nel nostro Paese: il ministero della Sanità può aiutare il sistema scolastico a svolgere queste funzioni, il Ministero di Grazia e Giustizia può iniziare un progetto sulle attività nelle carceri minorili, perché lo sport sia per tutti.

fonte

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione