Educazione motoria nelle scuole, Bardaglio (M5S): almeno 3 ore alla settimana per combattere l’ipocinesi

Stampa

Il M5S auspica che il Coni non si occupi più di progetti di natura educativa, ma torni a preparare le nazionali per i giochi olimpici, lasciando la scuola al Ministero dell’Istruzione. Lo scrive Mauro Bardaglio sul blog di Beppe Grillo.

L’autore scrive che in Italia per ipocinesi muoiono 82.000 persone all’anno. Il 14,6% delle morti italiane derivano da persone che non si muovono o si muovono pochissimo. L’ipocinesi porta a malattie come diabete, tumore alle mammelle per le donne e malattie cardiache, con un costo di circa 1,4 miliardi.

Occorre una riforma che porti il docente di scienze motorie nella scuola primaria e nella scuola dell’infanzia, che aumenti le ore di attività motoria e sportiva nella scuola:  un’ora al giorno di attività motoria e sportiva o tre ore settimanali almeno.

Altri due ministeri possono partecipare alla costruzione di una cultura sportiva nel nostro Paese: il ministero della Sanità può aiutare il sistema scolastico a svolgere queste funzioni, il Ministero di Grazia e Giustizia può iniziare un progetto sulle attività nelle carceri minorili, perché lo sport sia per tutti.

fonte

Stampa

Sogni d’insegnare all’estero? Scegli come requisito d’accesso alle prove il corso di interculturalità di Eurosofia