Motoria alla primaria, due ore a settimana con docenti laureati. L’iter

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si comincia a parlare di educazione motoria a scuola. L’annuncio è stato dato anche dal Sottosegretario Giuliano dopo la comunicazione dell’On. Vittoria Casa. 

Due ore a settimana, materia curricolare?

La Camera ha iniziato  a discutere la legge sull’introduzione dell’educazione motoria nella scuola primaria.

Una materia come le altre, insegnata per due ore a settimana da docenti specializzati.” ha sottolineato il Sottosegretario Giuliano.

Non è ben chiaro come ciò dovrebbe conciliarsi con l’orario settimanale.

Sappiamo anche in presenza di alunni disabili, l’insegnante di educazione motoria è supportato dal docente di sostegno.

L’insegnante di educazione motoria assume lo stesso stato giuridico ed economico di quello degli altri docenti della primaria, per cui medesimo stipendio ed orario settimanale (22 ore), escluse le due ore di programmazione.

L’iter della proposta di legge

Appena la delega avrà il via del Parlamento afferma Giuliano – il governo provvederà a disciplinare nel dettaglio la materia, rispettando ovviamente gli spazi di autonomia degli istituti scolastici.

12.000 posti a disposizione

Si prevede un reclutamento ad hoc di docenti che abbiano il titolo per insegnare scienze motorie. Particolari del DDL

In primis si guarderà all’organico disponibile, utilizzando docenti abilitati all’insegnamento per la primaria ed in possesso di competenze certificate nelle materie da approfondire.

E poi il concorso, con l’obiettivo di creare classi di concorso specifiche.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione