Educazione motoria alla primaria, Sasso: “La maestra unica non è più attuabile, chi dice questo è fermo a 40 anni fa” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

L’insegnamento dell’educazione motoria alla primaria è realtà. Dal 2022-23 nella quarta classe della primaria ci saranno due ore di attività motoria. A Orizzonte Scuola, durante l’approfondimento pomeridiano condotto da Andrea Carlino, è intervenuto Rossano Sasso, sottosegretario all’Istruzione.

“Educazione motoria non è uguale allo sport. Bisogna avere bene in mente la distinzione. Vi parlo da padre e da ex insegnante, sono stanco di vedere le due famose ore di educazione motoria che non vengono effettuate. Non entrano nel merito delle competenze anche se comunque c’è differenza tra chi si è laureato recentemente e chi invece lo ha fatto trenta anni fa. Sono stanco di vedere i ragazzi rincorrere un pallone”, afferma Sasso.

Poi aggiunge: “Questa è una necessità che parte da lontano e non dal disegno di legge presentato dall’allora ministro Bussetti nel 2018. È necessario pensare ai nostri ragazzi, ma io non voglio in nessun modo secondarizzare la scuola primaria. La maestra unica non è più attuabile oggi. Chi dice questo è fermo a 40 anni fa. Io avevo una maestra bravissima, stupenda, adeguata ai tempi. Mi faceva tutto. Oggi, se permettete, io voglio un insegnante specializzato. Questa è l’opinione del governo, non è della Lega. Bisogna avere il coraggio di innovare. Ho avuto una condivisione totale anche dall’opposizione. Con il PNRR investiremo anche nelle strutture. Io sono aperto al confronto con le parti per l’ascolto e per capire dove si può migliorare”.

Educazione motoria alla primaria, un concorso per insegnare: oltre 7mila posti disponibili entro il 2024

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur