Educazione motoria alla primaria, concorsi nel 2022: necessari i 24 cfu. Chi può accedere. Le info utili

WhatsApp
Telegram

Arriva l’insegnante di educazione motoria in quarta e quinta elementare. Si tratta di una delle novità previste dalla Manovra 2022, come ha reso noto il ministro dell’Economia, Daniele Franco, nella conferenza stampa successiva alla riunione del Consiglio dei ministri che ha dato il via libera alla legge di bilancio.

“L’introduzione dell’insegnamento dell’educazione motoria è prevista per la classe quinta a partire dall’anno scolastico 2022/2023 e per la classe quarta a partire dall’anno scolastico 2023/2024”, si legge nella bozza della manovra.

“Al fine di conseguire gli obiettivi del Piano nazionale di ripresa e resilienza e di promuovere nei giovani, fin dalla scuola primaria, l’assunzione di comportamenti e stili di vita funzionali alla crescita armoniosa, alla salute, al benessere psico-fisico e al pieno sviluppo della persona, riconoscendo l’educazione motoria quale espressione di un diritto personale e strumento di apprendimento cognitivo, nelle more di una complessiva revisione dell’insegnamento dell’educazione motoria nella scuola primaria, è introdotto l’insegnamento curricolare dell’educazione motoria nella scuola primaria nelle classi quarte e quinte da parte di docenti forniti di idoneo titolo e la correlata classe di concorso “Scienze motorie e sportive nella scuola primaria”, si legge nel testo della bozza della Manovra.

“Si accede all’insegnamento dell’educazione motoria nella scuola primaria a seguito del superamento di specifiche procedure concorsuali abilitanti. L’insegnante di educazione motoria impegnato nella scuola primaria è equiparato, quanto allo stato giuridico ed economico, agli insegnanti del medesimo grado di istruzione. L’organico degli insegnanti di educazione motoria è determinato in ragione di almeno due ore settimanali di insegnamento per ciascuna classe delle scuole primarie aggiuntive rispetto all’orario di cui all’art. 4 del decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 89 per le sole classi che non adottano il modello del tempo pieno. Ferma restando la responsabilità di entrambi gli insegnanti, per le classi che adottano il tempo pieno, durante le due ore settimanali di educazione motoria, è possibile la compresenza”, prosegue il testo.

Educazione motoria alla Primaria, chi può partecipare ai concorsi

In base alle ultime indiscrezioni raccolte dalla nostra redazione, possiamo svelare chi potrà partecipare alle procedure concorsuali.

Possono partecipare alle procedure concorsuali i soggetti in possesso di laurea magistrale conseguita nella classe LM-67 Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative» o nella classe LM-68 «Scienze e tecniche dello sport o nella classe di concorso LM-47 Organizzazione e gestione dei servizi per lo sport e le attività motorie oppure titoli di studio equiparati alle predette lauree magistrali ai sensi del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 9 luglio 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 7 ottobre 2009, n. 233, che abbiano, altresì, conseguito 24 CFU/CFA, acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

Nel caso in cui le graduatorie di concorso non siano approvate in tempo utile per l’assunzione in ruolo dei docenti nell’anno scolastico 2022/2023, il Ministero dell’istruzione è autorizzato ad attribuire contratti di supplenza anche ai soggetti collocati nelle graduatorie provinciali per le supplenze di cui all’articolo 4, comma 6-bis, della legge 3 maggio 1999, n. 124 nelle classi di concorso A048 – Scienze motorie e sportive negli istituti di istruzione secondaria di II grado e A049 – Scienze motorie e sportive nella scuola secondaria di I grado.

Al fine di prevedere il numero delle classi e, di conseguenza, il numero dei posti di organico per i docenti di educazione motoria necessari nell’intervallo di tempo previsto dalla bozza di norma , si premette che sono stati presi a riferimento i dati registrati sul SIDI per l’organico di fatto dell’a.s. 2020/21, poiché definitivi, diversamente da quelli dell’a.s. 2021/22, tuttora in corso di aggiornamento.

Il lavoro si è basato sulle seguenti ipotesi:

  • nei casi possibili, il numero delle classi funzionanti per anno di corso è stato ricavato facendo scorrere in avanti nei successivi anni di corso le classi attive nell’a.s. 2020/21;
  • laddove, per mancanza di un numero reale di classi di riferimento, non sia stato possibile calcolare il numero delle classi come nel punto precedente, si è ipotizzato che il numero delle classi per anno di corso resti invariato rispetto a quello registrato per il corrispondente anno di corso nell’a.s. 2020/21.

È stato stimato un organico aggiuntivo degli insegnanti di educazione motoria per le classi a tempo normale e per le classi a tempo pieno in funzione delle due ore settimanali, come da tabella sotto riportata. Nel dettaglio, risulta che:

  • per l’a.s. 2022/23, occorreranno 1.647 (=1.408 per le classi ordinarie + 239 per le pluriclassi) posti di organico in più per la scuola primaria, per il tempo normale. Per le classi a tempo pieno occorreranno 917 unità (=834 per le classi ordinarie + 83 per le pluriclassi). Totale posti 2.564.
  • per l’a.s. 2023/24, occorreranno 2.881 (=2.642 per le classi ordinarie + 239 per le pluriclassi) posti di organico in più per la scuola primaria, per il tempo normale. Per le classi a tempo pieno occorreranno 1.836 unità (=1.753 per le classi ordinarie + 83 per le pluriclassi). Totale posti 4.717.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia