Educazione inclusiva per studenti con disabilità: serve un hub delle migliori pratiche e una dichiarazione. Scarica esempio

WhatsApp
Telegram

Per istruzione inclusiva intendiamo l’accesso di tutti gli studenti alla piena partecipazione all’apprendimento, supportato da adeguamenti ragionevoli e da strategie di insegnamento su misura per soddisfare le loro esigenze individuali. La “Dichiarazione sull’istruzione inclusiva per gli studenti con disabilità” promuoverebbe l’impegno a migliorare l’apprendimento e il benessere degli studenti con disabilità in ogni scuola.

Rendere reale l’istruzione inclusiva per tutti i nostri studenti con disabilità

Dovremmo impegnarci, tutti, a rendere reale l’istruzione inclusiva per tutti i nostri studenti con disabilità nelle nostre scuole ordinarie, nelle loro classi di supporto e nelle scuole per scopi specifici. L’inclusione è incorporata in tutti gli aspetti della vita scolastica ed è supportata dalla cultura, dalle politiche e dalle pratiche quotidiane.

Serve una “Dichiarazione sull’educazione inclusiva per gli studenti con disabilità”

La Dichiarazione sull’educazione inclusiva per gli studenti con disabilità dovrebbe basarsi sull’impegno per l’inclusione definito in un altro documento che andrebbe predisposto, ovvero, quello relativo alla “Strategia sulla disabilità” che andrebbe sviluppato insieme ai docenti, di ogni ordine e grado, agli educatori e alle famiglie.

Risorse di supporto

Abbiamo visto molti esempi eccellenti di pratica inclusiva nelle scuole italiane, anche se molte, diremmo, moltissime non sono state incamerate per essere utilizzate come modelli di buone pratiche per quanti si approcciano, per la prima volta, alla realtà frastagliata degli alunni e delle alunne con disabilità. Dovremmo basarci su questo e condividere pratiche efficaci nelle nostre scuole. Non limitarci a compiacerci del lavoro svolto. Quanto piuttosto a fare e ad essere.

Supportare gli studenti nell’apprendimento al massimo delle loro potenzialità

Dovremmo sperare e dovremmo impegnarci che i nostri insegnanti abbiano (certo complicato davvero a conseguire senza alcuno studio specifico) le giuste capacità e la sicurezza opportuna per soddisfare le diverse esigenze degli studenti, supportandoli nell’apprendimento al massimo delle loro potenzialità.

Serve un hub di pratica inclusiva

Sarebbe necessario e urgente, indifferibile potremmo dire, sviluppare un hub di pratica inclusiva con tutte le risorse possibili basate sull’evidenza scientifica e la buona pratica per supportare il personale scolastico nel soddisfare le esigenze degli studenti con disabilità e bisogni aggiuntivi o, come siamo abituati a ripetere, speciali. Nell’hub dovremmo prevedere risorse per partner primari e secondari e anche per partener credibili come le Università, i Centri di Ricerca. In pratica, un vero e proprio posto di facile accesso per soddisfare le numerose e crescenti esigente di materiali, suggerimenti, ricerche, fotografie e filmati, giochi. Anche i genitori e gli accompagnatori dovrebbero potere accedere all’hub se fossero (e lo saranno certamente) interessati alle risorse utilizzate a scuola o se desiderassero (cosa molto auspicata e necessaria) provarle a casa.

Serve, nelle scuole, sviluppare una politica (una vision) per sostenere la pratica inclusiva

Sarebbe necessario, davvero, lavorare, in ciascuna scuola del nostro sistema Istruzione, sviluppare una politica per sostenere la pratica inclusiva e continuare, in tale maniera, ad ascoltare, con molta attenzione molto coraggio emotivo, e lavorare con studenti, genitori, altri docenti (anche in altre scuole) ed educatori.

Serve lavorare per costruire prove e modalità operative per aiutare gli studenti con disabilità a raggiungere i migliori risultati di apprendimento. Attualmente mancano prove chiare sull’efficacia dei diversi approcci. Dunque, sarebbe necessario che fosse commissionato una revisione indipendente delle prove come parte di questo sistema. Una scuola non può non confrontarsi con le altre. Deve farlo.

Un passo avanti ancora verso l’inclusione

Quello narrato sopra, fatto di condivisione di esperienze, modalità operative nuove, è il prossimo passo nel nostro viaggio per migliorare continuamente il nostro sistema educativo in modo che soddisfi le esigenze dei nostri studenti con disabilità. A tal proposito ogni scuola dovrebbe impegnarsi a lanciare e di fatto ad attuare una sua “Strategia sulla disabilità”.

Dichiarazione di educazione inclusiva

In allegato, una “Dichiarazione di educazione inclusiva” da utilizzare nelle scuole, magari utilizzando un programma che consorzi più realtà, più attori, più esperienze. Una dichiarazione che sia di impegno, anche, per creare un hub con il quale costruire un contenitore interattivo di buone pratiche. Magari potremmo iniziare, ciascuno, nella propria scuola. Senza gelosie e invidie: veri nemici della scuola.

Dichiarazione di educazione inclusiva per studenti con disabilità

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur