Educazione fisica: ad insegnarla non più i laureati in Scienze Motorie ma i tecnici delle federazioni sportive

Stampa

Le associazioni C.A.P.D.I. & LSM , C.I.S.M. hanno avviato una petizione a difesa dei Laureati in Scienze Motorie per l’insegnamento dell’educazione fisica nelle scuole.

Secondo quanto riportato nella petizione il progetto avviato dal Miur penalizza i docenti di Educazione Fisica.

Visto dal punto di vista dei proponenti la petizione, il progetto prevede

  • 3 settimane di sport in orario scolastico ciascuna settimana per uno sport diverso tenuta da tecnici federali che affiancheranno l’insegnante di EF, trasferendogli competenze e know how specifici per la sua disciplina.
  • A seguire: un pomeriggio sportivo la settimana (4 gruppi di ragazzi max 20 per 1 ora di attività) per 2 mesi per sport proposto (e così altri 2 mesi per il secondo sport + 2 mesi per il terzo sport) complessivamente per 6 mesi tenuti da tecnici federali. Poi festa di fine anno.
  • Le scuole individuate dovranno avere strutture adeguate, essere disposte a “ospitare” il progetto e mettere a disposizione gratuitamente la palestra per un pomeriggio la settimana. Verrà fornito un kit degli sport proposti e lasciato in dotazione alle scuole cosi che.. gli insegnanti di EF possano proseguire l’attività anche a conclusione del percorso.

La petizione

Stampa

“App-prendo insieme per una rete sicura” è il nuovo progetto di Eurosofia a cura del Prof. Francesco Pira. Il 4 febbraio segui la diretta