Educazione digitale: le linee guida europee si aggiornano con il DigComp 2.2

WhatsApp
Telegram

L’European Digital Competence Framework for Citizens, il documento che contiene le linee guida per l’Educazione Digitale, si aggiorna con il DigComp 2.2. Le linee guida sono state adottate da diversi Paesi, fra cui l’Italia, come quadro di riferimento per i curricula digitali. Entro il 2030 l’80% della popolazione europea dovrà possedere competenze digitali di base: questo l’obiettivo alla base del Piano d’azione del pilastro europeo dei diritti sociali.

“L’aggiornamento del documento si è reso necessario per tenere conto sia delle tecnologie emergenti – l’Intelligenza Artificiale, l’Internet of Things e la datification – sia di fenomeni come l’evoluzione del telelavoro, che richiede nuovi e accresciuti requisiti nel campo della competenza digitale” spiega Invalsi.

E’ poi ormai necessario affrontare gli aspetti relativi all’impatto ecologico e alla sostenibilità delle tecnologie digitali.

E ancora: riflettere sulla information literacy, perché è sempre più importante che i cittadini siano in grado di verificare la qualità dei contenuti online e le loro fonti.

Nel DigComp 2.2. anche una riflessione sulla complementarità delle Competenze chiave per l’apprendimento permanente, che sono essenziali per la realizzazione personale, per l’adozione di uno stile di vita sano e sostenibile, per l’occupabilità, la cittadinanza attiva e l’inclusione sociale.

“La finalità di questa parte del documento – evidenzia Invalsi – è quella di incoraggiare la ricerca dell’interconnessione tra la competenza digitale e le altre competenze che compongono il patrimonio personale di ciascuno”.

Il DipComp 2.2

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur