Educazione civica, Fedeli: non è solo una materia, va dimostrata nel comportamento degli educatori

WhatsApp
Telegram

“L’educazione civica non sia solo una materia” e “non sia relegata a un’ora”: “si parla della formazione di cittadini attivi a 360 gradi” e “cittadini non si diventa solo nel percorso scolastico”, per poi, finita la scuola, regredire.

Occorre quindi “formare l’insieme delle competenze e delle professionalità della scuola: dobbiamo essere la ‘buona pratica’ per la scuola e per i ragazzi, è il migliore insegnamento di educazione civica”. Ne è convinta la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, che afferma come il Miur stia
“già rivitalizzando l’educazione civica con delle scelte importanti di finanziamento dei Pon, legati all’educazione civica e alla cittadinanza europea e globale, e immettendo tutte quelle caratteristiche di contenuto e di opportunità di conoscenza per non discriminare nessuno”.

Oggi, ha ribadito la ministra, a margine del Premio Buone pratiche sicurezza e salute a scuola “Vito Scafidi” di Cittadinanzattiva, l’educazione civica non va vista solo come una materia, ma come “un comportamento di tutti gli insegnanti, i presidi, il personale Ata, della politica, dei media, cioè di tutti quelli che hanno responsabilità e incidono sull’educazione e sulla formazione dei nostri ragazzi verso un comportamento civile”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio