Educazione civica ed ambientale partirà, Fioramonti rassicura: macchina ministeriale già avviata

Non ci sarà nessuno stop all’avvio dell’ora di educazione civica dall’anno scolastico 2020/21. A confermarlo l’ex Ministro Fioramonti dalla sua pagina Facebook. 

“Sul New York Times ieri ci si chiedeva cosa accadrà all’insegnamento dello sviluppo sostenibile ora che il Ministro si è dimesso. Sui giornali italiani si parla, invece, delle mie restituzioni – afferma Fioramonti lamentando che a pochi giorni di distanza dalle sue dimissioni non si parli più di scuola –  Ho già rassicurato la stampa estera che l’insegnamento dello sviluppo sostenibile è al sicuro e che la macchina ministeriale è attiva per la sua implementazione. ”

Dunque macchina ministeriale avviata, non si ferma.

Nella legge di Bilancio 2020 approvata qualche giorno fa a fare il suo ingresso è stata anche l’ed. finanziaria.

Educazione civica dal 1° settembre 2020, sarà anche ed. finanziaria. Ma nessun docente in più

A farla da padrona dovrebbe però essere lo sviluppo sostenibile.

Proprio l’introduzione dell’educazione allo sviluppo sostenibile in tutte le scuole (la prima nazione al mondo a farlo), è stato uno degli obiettivi raggiunti rivendicati da Fioramonti nel post in cui ha spiegato i motivi delle sue dimissioni.

Un altro tassello è quello delle intelligenze artificiali.

“L’Educazione civica, che entrerà tra le materie di studio dal prossimo anno scolastico, sarà strutturata in modo da far acquisire ai ragazzi competenze tecniche per l’utilizzo delle nuove tecnologie” ha affermato recentemente Fioramonti.

La legge sull’educazione civica prevede anche l’educazione alla cittadinanza digitale. Ecco le competenze digitali richieste

No insegnanti in più

E’ scritto nel Decreto Scuola.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia