Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Educazione civica da settembre 2020, come realizzare un curriculo efficace. Suggerimenti

Nonostante il tanto vociare sull’educazione civica e l’avvio difficoltoso di questa nuova disciplina, alcune considerazioni operative vanno fatte. Non già perché si ritenga che le linee guida siano poco adeguate, quanto piuttosto perché sarebbe necessario intenderci sul fatto che insegnare educazione civica o farsi interprete di un curriculo di educazione civica, non voglia dire scandire semplicemente finalità e contenuti elaborati e propinati dal ministero dell’istruzione. Sarebbe un fallimento sul nascere.

Serve prendere coscienza del fatto che, nonostante tutti (o quasi) sappiano costruire un’UDA o abbozzare un curriculo, non tutti hanno un approccio epistemico alla disciplina e non tutti ne posseggono, fino in fondo, la nomenclatura disciplinare. Che fare, dunque. Noi? Le scuole? La comunità? Il ministero? Vediamo insieme: cosa servirebbe, cosa possediamo già e non usiamo in maniera appropriata, cosa non serve affatto.

Le scuole dovrebbero esaminare a fondo il “curriculum informale”, o la governance della loro comunità scolastica e le relazioni tra coloro che vi appartengono. L’importanza della governance della comunità scolastica e della qualità delle relazioni tra le persone all’interno di essa può essere appena enfatizzata. Le aule e le scuole dovrebbero essere gestite da insegnanti che governino in accordo con valori e principi democratici e che mostrino tratti di carattere, privati ​​e pubblici, degni di emulazione. L’educazione civica senza esempio è destinata a fallire.

La partecipazione degli studenti alla governance delle loro classi e delle loro scuole dovrebbe essere parte integrante dell’educazione civica a partire dai primi gradi e si dovrebbe estendere per tutto l’arco della loro istruzione formale. Le aule e le scuole dovrebbero essere considerate laboratori in cui gli studenti possano impiegare abilità partecipative commisurate alla loro maturità. Dovrebbero imparare a interagire efficacemente, così come ad imparare a monitorare e a influenzare le politiche scolastiche e pubbliche. Governance significa più, molto di più, che cercare di servire in classe, esempi di democrazia partecipata. Significa avere voce in questioni nella scuola: come le regole della scuola e le procedure disciplinari. Governance significa che ogni studente è un cittadino in possesso dei diritti e accusato delle responsabilità che spettano ai cittadini in una democrazia costituzionale. A nulla varrebbe creare piste di procedura disciplinare sull’educazione civica e, poi, calare dall’alto il regolamento disciplinare d’Istituto. Sarebbe già un fallimento in termini di scelte metodologiche.

L’educazione civica dovrebbe aiutare gli studenti a sviluppare un impegno ragionato nei confronti di quei valori e di quei principi fondamentali necessari per la conservazione e il miglioramento della democrazia costituzionale. L’educazione civica, tuttavia, deve distinguere tra educazione e indottrinamento. L’educazione civica consente ai cittadini di fare scelte sagge nella piena consapevolezza delle alternative e fornisce il tipo di esperienze e comprensione che favoriscono lo sviluppo di un impegno ragionato attorno a quei valori e a quei principi che consentano l’esistenza di una società libera.

Ogni studente dovrebbe acquisire familiarità con i documenti fondamentali della nazione e dell’Unione Europea attraverso istruzioni adeguate all’età. Questi documenti includerebbero, ma non sono limitati a, la Costituzione, i Trattati istitutivi dell’Unione Europea, le decisioni fondamentali della Corte Costituzionale, lo Statuto della regione in cui risiedono e altri scritti e discorsi significativi.

Gli studenti di tutti i livelli possono trarre profitto dallo studio di cittadini esemplari, sia famosi che non così famosi, quelli del passato e del presente. Dovrebbe essere incoraggiato l’uso di una vasta gamma di narrazioni storiche, biografie, autobiografie e conti correnti adeguati all’età nei media. Gli studenti, in particolare in un’epoca di antieroi, dovrebbero avere molte opportunità di conoscere persone che hanno difeso i diritti umani e le libertà politiche, hanno adempiuto alle responsabilità civili o hanno avuto il coraggio di prendere decisioni etiche e morali quando erano in minoranza.

Dovrebbero essere incoraggiate le attività curriculari che supportano ed estendono l’educazione civica. Attività come finte elezioni, simulazioni di processi e simulazioni di audizioni legislative promuovono un maggiore interesse e comprensione dello Stato e della società civile. Il valore di tali attività è attestato da un’abbondante ricerca. Gli insegnanti che dedicano tempo alla sponsorizzazione di attività co-curriculari alleate dell’educazione civica dovrebbero essere riconosciuti e adeguatamente ricompensati per i loro sforzi.

L’opportunità di creare percorsi di volontariato per il servizio scolastico e di comunità dovrebbe essere messa a disposizione di tutti i giovani come parte della loro educazione civica. Gli studenti dovrebbero essere preparati per un servizio adeguato all’età, adeguatamente supervisionato durante il loro impegno e dovrebbero riflettere sulle loro esperienze sotto la guida di insegnanti o tutor qualificati.

Il servizio comunitario dovrebbe mettere gli studenti in contatto diretto con il governo dei territori e delle autonomie a tutti i livelli e con i settori della società civile adeguati al loro studio curricolare di educazione civica. Gli studenti dovrebbero uscire nella comunità per osservare, intervistare e contribuire con il loro tempo e i loro talenti all’interesse del bene comune. I responsabili di funzioni amministrative del governo della comunità, i leader civici e altre persone informate dovrebbero essere invitati nelle scuole per condividere le loro opinioni e competenze con gli studenti.

Le Regioni e gli Uffici Scolastici Regionali e Provinciali dovrebbero essere più attenti alle esigenze di sviluppo professionale degli insegnanti principianti e meno esperti. I docenti di educazione civica dovrebbero perfezionare le loro capacità e ampliare la loro conoscenza e la loro interazione con la comunità civica.

Gli USR dovrebbero individuare e premiare gli insegnanti che sono eccellenti educatori civici in modo da non perdersi nei meandri del qualunquismo. Alcuni studi significativi hanno messo in luce che gli insegnanti che hanno una maggiore formazione sia sulla materia che su come insegnare bene educazione civica sono più efficaci con gli studenti.

Livello nazionale, statale e locale

Poiché il mantenimento e il miglioramento della nostra democrazia costituzionale dipende dalle conoscenze, dalle abilità e dai tratti del carattere pubblico e privato di tutti i nostri cittadini, raccomandiamo un’iniziativa nazionale per rivitalizzare l’educazione civica. Un’iniziativa a livello nazionale in materia di educazione civica potrebbe concentrarsi sull’importanza dell’educazione civica per ogni bambino in Italia che fornisca una base per i diritti e per le responsabilità dei membri di una democrazia costituzionale. Un’iniziativa del genere aumenterebbe l’alfabetizzazione civica, favorirebbe percorsi di civiltà tra i cittadini, promuoverebbe la comprensione e l’apprezzamento delle istituzioni e dei processi democratici e migliorerebbe il senso di efficacia politica.

Le basi per il rinnovamento dell’educazione civica (non solo in termine di idee o di aggregati di contenuti) sono necessarie ed è indispensabile che si parta da noi docenti. È necessario e vitale promuovere la causa del diritto in tutti gli istituti secondari di II grado e dell’educazione civica, insegnata da docenti di diritto, nelle scuole italiane. Non parole e vacui propositi, dunque.

Un’iniziativa a completamento dell’educazione civica

I tempi sono maturi per un’iniziativa a livello nazionale che potrebbe promuovere un maggiore interesse, una maggiore comprensione e una più qualificata partecipazione dei giovani cittadini (i nostri alunni) nel governo locale, statale e europeo, nonché nelle associazioni, nei processi e negli scopi civici della società civile.

Gli obiettivi principali di questa iniziativa partecipata sarebbero:

    • approfondire la comprensione delle basi storiche, filosofiche, politiche, sociali ed economiche della democrazia costituzionale.
    • promuovere la comprensione di come opera un governo costituzionale e l’apprezzamento dei diritti e delle responsabilità dei cittadini.
    • promuovere la partecipazione informata e responsabile alla vita civile.
    • favorire le disposizioni o i tratti civili di carattere pubblico e privato che favoriscono la conservazione e il rafforzamento della democrazia costituzionale italiana.
    • favorire un impegno ragionato nei confronti dei valori e dei principi fondamentali espressi nei documenti fondamentali che ci uniscono come nazione e che forniscono un terreno comune per lavorare insieme.
    • promuovere la comprensione del ruolo essenziale che le istituzioni e i valori della società civile hanno storicamente svolto e continuano a svolgere oggi come fondamenti della democrazia costituzionale. Tale comprensione include l’idea che il carattere autonomo della società civile protegga la società dall’abuso di potere da parte del governo ed è quindi un supporto principale per il governo costituzionale

L’educazione civica rivitalizzata può offrire vantaggi significativi a tutti gli italiani. 

Un’iniziativa nazionale può:

    • aumentare la comprensione dell’importanza e della rilevanza della politica e del governo e della società civile per la vita quotidiana di tutti, ad esempio sicurezza e protezione, istruzione, occupazione, salute, svago e qualità generale della vita.
    • promuovere lo sviluppo del carattere civico promuovendo il riconoscimento delle responsabilità pubbliche e private e incoraggiando l’adesione ai valori e ai principi della democrazia costituzionale.
    • elevare il senso di efficacia civica, l’impatto che i cittadini possono avere sulle politiche a tutti i livelli di governo, sul carattere e sugli scopi delle associazioni e degli sforzi della società civile.
    • basarsi sull’ideale, l’energia e le speranze della gioventù per rivitalizzare la vita civica.

L’importanza dell’educazione civica dovrebbe essere comunicata al grande pubblico attraverso forum pubblici televisivi, stampa e annunci televisivi di servizio pubblico. Genitori, leader civici e media sono importanti influenze e hanno un contributo significativo da dare all’educazione civica e il loro sostegno dovrebbe essere richiesto. È necessaria una rinnovata enfasi sul nucleo comune della cultura civica che unisce individui di molti gruppi etnici, linguistici, religiosi e sociali. 

Le scuole dovrebbero riesaminare i curricula formali e le pratiche di valutazione per determinare l’adeguatezza e l’efficacia dei loro programmi di istruzione. Dovrebbero prendere le misure appropriate per rafforzare il curriculum formale e le loro pratiche di valutazione.

Sarebbe necessario richiedere alle scuole e a tutti gli studenti di dimostrare la padronanza delle conoscenze e dei concetti civici di base come condizione per il diploma di scuola superiore

Per invertire il ciclo di basse aspettative e scarsi risultati, il ministero dell’Istruzione dovrebbe stabilire standard che soddisfino determinati criteri. 

Gli standard dovrebbero

    • essere chiaramente focalizzati sui risultati accademici.
    • essere rigorosi e sostanziali
    • dovrebbero garantire docenti di educazione civica conoscitori della scienza politica, della filosofia politica, della storia, dell’economia, della legge e della giurisprudenza.
    • indicare chiaramente ciò che gli studenti dovrebbero sapere ed essere in grado di fare ed essere espressi in una lingua comprensibile ai giovanissimi e ai giovani studenti, ai loro genitori e al pubblico in generale.
    • essere chiari parametri di riferimento in base ai quali potere valutare le prestazioni e i progressi di uno studente.

Occorre prestare attenzione alla valutazione dell’educazione civica che attualmente non è adeguata in termini sia di contenuto che di frequenza.

È necessario valutare l’acquisizione da parte degli studenti di una varietà di abilità civiche come la valutazione, l’assunzione e la difesa di posizioni su questioni politiche e civili, il parlare e la scrittura su tali questioni, il monitoraggio e l’influenza delle politiche pubbliche, più che valutarli sull’acquisizione sterile, talvolta, di contenuti inutilizzabili. La scuola dovrebbe costruire una rubrica di valutazione della disciplina che tenga, dunque, conto di ciò.

Usare le menti

Se l’Italia deve mantenere una democrazia forte e responsabile e un’economia prospera e in crescita nel prossimo secolo, i nostri studenti devono essere pronti ad affrontare e rispondere alle principali sfide in patria e nel mondo. Una popolazione istruita è la chiave del nostro futuro. Gli italiani e gli europei devono essere pronti a partecipare con consapevolezza alla nostra democrazia e alle nostre istituzioni democratiche. Tutti gli studenti devono comprendere e accettare le responsabilità e gli obblighi della cittadinanza. Ma questo dipende da noi insegnanti e dipenderà dal nostro curriculo.

Dobbiamo assicurarci (e per questo dobbiamo impegnarci) che tutti gli studenti imparino a usare bene le loro menti, in modo che possano essere preparati per una cittadinanza responsabile, un ulteriore apprendimento e un impiego produttivo nella moderna economia della nostra nazione.

Tutti gli studenti devono essere coinvolti in attività che promuovono e dimostrano buona cittadinanza, servizio comunitario e responsabilità personale.

Alfabetizzazione degli adulti e apprendimento permanente

Ogni adulto è necessario che sia alfabetizzato e che possieda le conoscenze e le competenze necessarie per competere in un’economia globale ed esercitare i diritti e le responsabilità della cittadinanza. L’educazione civica è essenziale, se vogliamo mantenere e migliorare la nostra democrazia costituzionale; su questo punto vi è un accordo generale, se non universale. Sappiamo anche che è necessario un nuovo standard di cittadinanza istruita, se vogliamo affrontare le sfide del prossimo secolo.

Ciò che dobbiamo fare è lavorare ad una educazione civica che non sia una semplice e inutile declinazione di contenuti. Sarebbe un fallimento catastrofico.

https://www.orizzontescuolaformazione.it/prodotto/insegnare-educazione-civica-contenuti-metodologia-competenze-esempi-di-unita-di-apprendimento-corso-con-iscrizione-e-fruizione-gratuite/

TFA Sostegno V ciclo. Affidati ad Eurosofia, materiali didattici sintetici, simulatori delle prove ed un metodo incisivo. Allenati per vincere