Educazione Civica, cos’è previsto per la scuola dell’infanzia

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Educazione Civica: materia con voto autonomo nella scuola primaria e secondaria; nella scuola dell’infanzia attività di sensibilizzazione.

L’iter della legge

La legge, che introduce l’educazione civica come materia con voto autonomo, è stata approvata definitivamente dai due rami del Parlamento ed è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

La legge entrerà in vigore il 5 settembre, oltre il termine previsto per l’applicazione della riforma dal 1° settembre 2019, tuttavia si lavora per un’eventuale applicazione già dalla predetta data.

Ed. Civica: scuola primaria e secondaria

L’insegnamento trasversale dell’educazione civica:

  • è attivato nella scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado, a partire dal primo settembre successivo all’approvazione della legge;
  • prevede 33 ore annuali (un’ora a settimana) da ricavare nell’ambito dell’attuale monte ore obbligatorio previsto dagli ordinamenti vigenti;
  • è impartito, anche in contitolarità, da docenti della classe nella scuola secondaria di primo grado; da docenti abilitati nell’insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche nella scuola secondaria di secondaria grado, se disponibili nell’organico dell’autonomia ;
  • sarà valutata in decimi, in seguito alla proposta della nuova figura del coordinatore, che la formulerà acquisendo elementi conoscitivi dagli altri docenti interessati dall’insegnamento.

Ed. civica: scuola dell’infanzia

Nella scuola dell’infanzia saranno avviate iniziative di sensibilizzazione al tema della cittadinanza responsabile.

L’articolo 4 del testo di legge, inoltre, prevede che gli studenti devono avvicinarsi ai contenuti della Carta costituzionale già a partire dalla scuola dell’infanzia.

Leggi anche:

Versione stampabile
soloformazione