Educazione civica, APIDGE: la insegnino docenti di diritto. Così è senza spina dorsale

Stampa

“L’Educazione civica, come formulata nella legge del precedente Governo, non ha sguardo e fondamento, non è una disciplina è un arlecchino inserita in tanta programmazione di tanta materie. Non ha una sua spina dorsale. “

A parlare è Ezio Sina, presidente di APIDGE, associazione che si è battuta per l’introduzione dell’educazione civica.

Ma così com’è stata formulata la legge non convince. “Manca – secondo Sina – il docente e la valutazione è collegiale, nella quale non c è un punto di riferimento preciso e le linee guida sono “anarchiche”. Si insegna tutto e di tutto, mancando la vocazione unitaria che risponde all’articolo 34 della costituzione.”

“Chiediamo – ha detto Sina ai nostri microfoni – una organizzazione migliore, inserendo docente specialistico, abilitato nel diritto e in questa logica l’insegnante porterà una programmazione condivisa nel consiglio di classe. In particolare per la scuola secondaria superiore, inserendola in modo più organico”

Video integrale

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur