Educazione civica, Apidge al Miur: si impieghino i 4.124 docenti di diritto già in servizio

WhatsApp
Telegram

Ai fini della predisposizione delle linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica in tutte le scuole di cui all’articolo 3 della legge 92 del 2019, Apidge, Associazione degli insegnanti di scienze giuridiche ed economiche, dichiara la propria disponibilità a fornire un fattivo contributo in tema di contenuti e di organizzazione delle risorse professionali da destinare all’insegnamento dell’educazione civica.

“Si rileva l’importanza – afferma il presidente, Ezio Sina – a che ogni scelta in proposito riconosca ed evidenzi i dati dell’Ufficio Statistica dello stesso Miur (aggiornati al 18 febbraio 2019) in cui si può individuare come un contingente complessivo di 4.124 docenti abilitati nelle scienze giuridiche ed economiche (classe di concorso A046) venga destinato essenzialmente in attività dipotenziamento delle istituzioni scolastiche”.

Con queste premesse, l’associazione, essendo in atto le prime operazioni relative alla mobilità dei docenti per l’anno 2020, chiede che

  • Il ministro dell’Istruzione impegni da subito gli uffici periferici ad attivarsi al fine di assicurare in tutte le scuole del secondo ciclo, con opportune operazioni di mobilità, la disponibilità e l’utilizzo dei docenti abilitati all’insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche, come previsto al comma 4 dell’articolo 2 della legge 92/2019.
  • In conformità alle disposizioni di cui all’articolo 7 del Dpr 8 marzo 2099 numero 275, le istituzioni scolastiche – nell’ambito della propria autonomia e nell’espletamento delle loro funzioni educative – sono chiamate a promuovere accordi di rete o a aderire ad accordi già costituiti al fine di assicurare la presenza più capillare sul territorio degli insegnanti abilitati
    all’insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche.

“La più razionale distribuzione del contingente dei docenti abilitati nelle discipline giuridiche ed economiche incardinati nell’organico dell’autonomia delle istituzioni scolastiche – conclude Sina –
consente che, a invarianza finanziaria, questi docenti, chiamati alla realizzazione del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole, possano essere coerentemente utilizzati in attività di insegnamento, organizzazione, progettazione e di coordinamento dell’insegnamento
dell’educazione civica”.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO