Educazione civica a scuola, presentati alla Camera i progetti di Articolo 49. Al centro economia circolare, riciclo e gestione rifiuti

WhatsApp
Telegram

Costituzione, sviluppo sostenibile e cittadinanza digitale. Sono questi i temi al centro dell’evento che si è tenuto oggi alla Camera per raccontare i risultati dei progetti sull’educazione civica nelle scuole, che hanno visto coinvolti oltre 10 mila ragazzi e ragazze in tutto il territorio nazionale.

All’evento, organizzato da Fondazione Articolo 49, la fondazione che ha l’obiettivo di diffondere la cultura della partecipazione in ogni ambito, sono intervenuti tra gli altri il Sottosegretario di Stato all’Editoria Alberto Barachini, il Commissario AGCOM Massimiliano Capitanio, il Direttore scientifico di ASviS Enrico Giovannini e il Presidente della Fondazione Symbola Ermete Realacci.

Al centro, l’educazione civica nella formazione dei ragazzi e delle ragazze. Dall’anno scolastico 2020/21, con la legge 92 del 20 agosto 2019, questa materia è diventata trasversale nel primo e secondo ciclo d’istruzione, con iniziative di sensibilizzazione alla cittadinanza responsabile, per non meno di 33 ore annuali. Secondo il Report ICCS 2024, gli studenti che la studiano sono più favorevoli alla parità di genere e di diritti per gli immigrati, ma anche più aperti alla diversità, più predisposti verso la protezione dell’ambiente e più propensi a votare alle elezioni.

I progetti

Tre i progetti presentati da Fondazione Articolo 49 oggi: “Viva la Costituzione, la Costituzione è viva”, con la premiazione delle scuole vincitrici del concorso legato alla prima annualità “Evviva la Costituzione!”; il progetto educativo Quotidianamente, dedicato alla lettura dei giornali e al contrasto della disinformazione e fake news, realizzato con il coinvolgimento dei principali gruppi editoriali nazionali e locali; la seconda annualità del progetto GEA EDU – Idee per il futuro, focalizzato sui temi dell’economia circolare e della gestione del ciclo dei rifiuti.

“Viva la Costituzione, la Costituzione è viva” è un progetto triennale rivolto alle scuole primarie iniziato nell’anno scolastico 2023-24. In occasione dei 75 anni della Costituzione, il contest “Evviva la Costituzione!” ha visto oltre 3 mila alunni di 123 classi, appartenenti a 82 scuole primarie, al lavoro per raccontare la propria idea di Costituzione attraverso disegni, racconti, album fotografici e video.

Sono stati 111 i progetti presentati e le tre classi vincitrici sono state premiate oggi alla Camera, alla presenza anche di una delegazione di docenti e studenti. A vincere il concorso sono state la Classe 4° A della Scuola Primaria di San Gaetano di Roma con “Buon compleanno Costituzione!”; la Classe 5° B della Scuola Primaria Ordona Sud a Foggia con “La Costituzione passa di qui” e la classe 3° A della Scuola Primaria Leoncini a Campo Ligure (Genova) con il progetto “Gli articoli della Costituzione”. Per loro, 25 computer per l’allestimento di un’aula informatica in ognuna delle tre scuole.

Presentati oggi anche le altre due annualità di questo progetto che avrà un focus sul funzionamento delle istituzioni europee e sui diritti di cittadinanza comunitaria, in occasione delle prossime elezioni europee, per il 2024-2025; mentre si concentrerà sugli 80 anni della Festa della Liberazione e sui 55 anni del decentramento amministrativo per l’anno 2025-26.

Ha coinvolto invece le scuole secondarie di primo grado il progetto “Quotidianamente! L’informazione inizia a scuola”, con cui la Fondazione Art.49 ha voluto concentrarsi sull’importanza di insegnare ai ragazzi a informarsi correttamente, combattendo disinformazione e fake news. L’obiettivo è stato quello di portare gratuitamente nelle scuole l’abbonamento a Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Gazzetta dello Sport e oltre 10 quotidiani regionali, insieme a un kit di educazione alla lettura critica dei giornali. Il supporto dei media è un pilastro fondamentale per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e per avvicinare le giovani generazioni alla lettura delle notizie, all’approfondimento, all’informazione di qualità.

Infine, è stata presentata la seconda annualità di GEA EDU – Idee per il futuro, il progetto dedicato alla diffusione della cultura della sostenibilità per le scuole secondarie di secondo grado. Dopo aver affrontato nel primo anno scolastico 22-23 la produzione e il consumo sostenibile, al centro di questa seconda annualità ci sono l’economia circolare, il riuso, il riciclo e la gestione dei rifiuti.

La Fondazione Articolo 49 è nata per rendere effettivo il diritto di ogni cittadino a concorrere nel determinare la politica nazionale e comunitaria – ha detto Andrea Poli, presidente di Fondazione Articolo 49 – il nostro scopo è quello di sensibilizzare e coinvolgere i giovani e i giovanissimi con progetti educativi adottati gratuitamente ogni anno da centinaia di scuole italiane”. E ha proseguito Poli: “Rendere gli studenti protagonisti della transizione ecologica, trasmettere competenze per l’adozione di buone pratiche nella vita quotidiana e stimolare il confronto, questi sono i nostri obiettivi che perseguiamo lavorando con i migliori esperti di didattica, progettando materiali formativi multimediali e attivando il dialogo con gli insegnanti per rendere sempre più efficaci le ore di formazione e i laboratori. Senza dimenticare il coinvolgimento delle istituzioni e di molte aziende che ci permette uno scambio di contenuti e stimoli perfetti per consentire ai ragazzi di passare dalla teoria appresa nelle ore di educazione civica alla pratica quotidiana, influenzando positivamente anche il contesto famigliare e comunitario”.

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia