Educazione ambientale: 33 ore, con voto in pagella, ma nessun docente in più

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’educazione ambientale nelle scuole sarà inserita soprattutto nelle ore di educazione civica, sarà obbligatoria e con un voto in pagella: lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti intervistato da ScuolaZoo.

“Questa materia – ha dichiarato il ministro – sarà modulata sui principi dello sviluppo sostenibile: la nostra “bussola”, se possiamo chiamarla così, sarà l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Trentatré ore di lezione, un’ora a settimana, che sarà ritagliata all’interno delle altre discipline”.

Il ministro spiega che a lezione si tratteranno “temi come i beni comuni, i diritti di carattere ambientale, i modelli di partecipazione condivisa nelle comunità, come riavvicinare i nostri studenti ai loro territori, l’interazione tra l’uomo e gli ecosistemi.

Nel futuro ci sarà una nuova cittadinanza responsabile e compatibile con le condizioni ecosistemiche e quindi una cittadinanza sempre più sostenibile, che viene richiesta fra l’altro da milioni di studenti, non solo in Italia”

Versione stampabile
soloformazione