Educazione alle relazioni nelle scuole, Valditara: “Gruppi di autoriflessione in aula. Pronte le linee guida”

WhatsApp
Telegram

Nel corso dell’intervista a La Repubblica, il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha annunciato che il piano relativo all’educazione alle relazioni è vicino ad essere avviato.

Le linee guida stilate con psicologi e giuristi sono pronte. Le sottoporrò ora a studenti, genitori e sindacati“, ha detto Valditara.

Il Ministro ha ribadito che il progetto si “fonderà su gruppi di autoriflessione: in classe si metteranno in comune le proprie esperienze o quelle tratte dalla cronaca e si discuterà insieme“.

Come abbiamo scritto in precedenza, il piano, che potrebbe partire entro la fine dell’anno, prevede la formazione su base autonoma da parte di tutte le scuole di team composti da un numero tra 6 e 12 studenti, possibilmente di età omogenee.

Ci sarà almeno un incontro ogni due settimane per una o due ore fino a marzo.

Il tutto verrà gestito con “gruppi di discussione e di autoconsapevolezza” che rifletteranno su temi come il rispetto dell’altro, la costruzione di relazioni affettive, la percezione di genere, gli stereotipi, e così via.

Il progetto si avvarrà del metodo Balint, ovvero una “collaudata metodologia di formazione esperienziale creata originariamente dallo psicoanalista Michael Balint centrata sull’azione del gruppo come strumento facilitatore del pensiero”.

Il progetto vedrà anche il sostegno del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, aprendo la strada a probabili interventi di professionisti del settore, per supportare i gruppi di lavoro e i docenti coinvolti.

A proposito di docenti, questi saranno reclutati volontariamente e il dirigente scolastico dovrà individuare un referente per ogni istituto.

Inoltre, saranno i DS e gli organi collegiali a stabilire a monte se queste attività di gruppo si dovranno svolgere durante le ore di lezione o nel pomeriggio.

WhatsApp
Telegram

Storia di Giacomo Matteotti che sfidò il fascismo: una grande lezione di educazione civica per tutti. Webinar gratuito