Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Educazione alla pace nelle scuole, perché è importante e come si può fare? Un’UdA in verticale Primaria e Secondaria di I grado

WhatsApp
Telegram

Parlare di pace, in queste ore, pare stridere con i venti di guerra che spirano ad Est della nostra Italia. Le ricerche scientifiche e pedagogiche, degli ultimi decenni, però, hanno determinato una revisione della letteratura che esplora lo scopo, la teoria e la pratica dell’educazione alla pace. Le ricerche sostengono che esiste un valido motivo per far perfezionare e crescere la comprensione e la pratica dell’educazione alla pace nelle scuole e per garantire e permettere alle scuole di svolgere un ruolo cruciale nel promuovere gli obiettivi della pace. Dopotutto, le scuole non solo forniscono conoscenze e abilità, ma permettono di costruire competenze che danno anche forma a valori, norme, atteggiamenti e disposizioni sociali e culturali.

Gli interventi di educazione alla pace nelle scuole

È stato dimostrato che gli interventi di educazione alla pace nelle scuole determinano un miglioramento degli atteggiamenti e della cooperazione tra gli alunni e una diminuzione della violenza e dei tassi di abbandono scolastico. Tuttavia, l’integrazione dell’educazione alla pace non è semplice. Lo spazio per l’educazione alla pace deve essere trovato all’interno dei sistemi esistenti, dove è possibile intraprendere un lavoro complementare.

Il progresso dell’educazione alla pace all’interno di un contesto scolastico

Il progresso dell’educazione alla pace all’interno di un contesto scolastico richiede un approccio e un processo sfaccettato. Non esiste una soluzione valida per tutti, ma ci sono alcuni principi e approcci chiave che sono necessari:

  • promuovere relazioni sane e una cultura scolastica pacifica
  • affrontare la violenza strutturale e culturale all’interno delle scuole tenendo conto del modo in cui l’istruzione viene erogata in classe
  • collegare approcci di educazione alla pace incentrati sull’individuo e su risultati socio-politici più ampi
  • collegare l’educazione alla pace all’interno delle scuole alle pratiche comunitarie più ampie e agli attori non formali, come le organizzazioni non governative e le organizzazioni della società civile
  • ove possibile, avere politiche e leggi educative che supportino l’educazione alla pace per raggiungere la piena integrazione nelle strutture scolastiche formali.

Dobbiamo iniziare con la terra sotto i nostri piedi e costruire su ciò che già esiste

Non possiamo non considerare come la violenza sia spesso parte integrante dell’ambiente scolastico e come ciò possa essere un vero ostacolo all’integrazione dell’educazione alla pace nelle strutture scolastiche. Tuttavia, la promozione dell’educazione alla pace non dovrebbe essere evitata per questo motivo. Piuttosto è qualcosa da superare cercando punti di ingresso e lavorando in collaborazione con colleghi di diverse discipline per creare politiche, pratiche e programmi di studio, infusi con una cultura di pace, guarigione dal male, dall’odio e dalla guerra, compassione e cura dei giovani.

I sogni di scuole pacifiche

Sarebbe necessario trovare l’equilibrio tra i nostri sogni di scuole pacifiche e la realtà di dove siamo: “iniziare con la terra sotto i nostri piedi” e andare avanti da quel punto. Allo stesso modo, dobbiamo sostenere un approccio basato sugli asset cercando i punti di forza e le capacità all’interno di ciò che già esiste, piuttosto che soffermarsi su ciò che manca.

Teoria e pratica sono inseparabili: abbiamo bisogno di una pratica riflessiva collettiva

Teoria e pratica a volte possono sembrare disconnesse, tuttavia, le intuizioni si ottengono riflettendo sulle nostre pratiche odierne che determinano le nostre pratiche future. Teoria e pratica sono quindi inseparabili.

Dobbiamo guardare di più alle nostre pratiche, alle teorie e alle ipotesi collettive e al contesto più ampio, in modo da poter essere meglio attrezzati per affrontare le questioni strutturali e sistemiche che devono essere cambiate. Siamo destinati a ripeterla la storia se non si affronta la cultura e la struttura più ampia della violenza nelle nostre famiglie, nelle nostre scuole, nella nostra società.

Circonda gli insegnanti con un oceano di supporto

Per chiunque cerchi di integrare l’educazione alla pace, è importante essere attento alle lotte quotidiane e alle turbolenze che gli insegnanti devono affrontare, specialmente in contesti non occidentali e in contesti di avversità. Una componente centrale dell’educazione alla pace dovrebbe essere la comprensione del carico emotivo che l’insegnamento. Gli insegnanti devono essere circondati da “un oceano di supporto”.

Impara a comprendere e superare le barriere all’educazione alla pace

Anche se viene fornito supporto, può esserci ancora resistenza all’integrazione dell’educazione alla pace nelle strutture scolastiche. La resistenza può essere superata con il tempo, comprendendo le prospettive degli insegnanti e riconoscendo la validità delle loro reazioni e delle loro emozioni. Gli insegnanti devono creare un ambiente sicuro in cui le idee e le preoccupazioni possono essere esplorate, espresse e ascoltate. Devono anche essere autocoscienti, sapendo cosa si può e non si può fare in particolari circostanze. Non dovrebbero “aprire il vaso di Pandora” se non hanno il tempo o le capacità per lavorare con ciò che esce e non sono in grado di richiuderlo.

Perseguire metodologie dinamiche partecipative che siano sensibili al contesto: il “curriculum ribaltato”

Gli approcci all’insegnamento dovrebbero consentire una corretta integrazione dell’educazione alla pace negli ambienti scolastici. C’è necessità di spostare l’attenzione sui valori all’interno dell’ambiente scolastico, creare ambienti di rispetto in cui i problemi vengano risolti pacificamente e vedere studenti e insegnanti come co-studenti. È stata sottolineata l’importanza di investire in metodologie dinamiche partecipative e di creare comunità di pratica per aiutare gli studenti e gli insegnanti ad accedere al supporto di cui hanno bisogno. L’importanza delle “classi ribaltate”, per guardare non solo a un approccio guidato dall’insegnante ma anche ad un approccio all’apprendimento guidato dagli studenti. L’importanza del “curriculum ribaltato” che comporterebbe di ridurre l’enfasi sul raggiungimento delle qualifiche come obiettivo principale della scuola e dare, all’opposto, la priorità alla preparazione degli studenti a essere “soggetti”: persone in grado di capire il mondo e cambiarlo.

L’importanza della pratica esplorativa

Dobbiamo ribadire quanto sia importante la pratica esplorativa: entrare in classe, incontrare gli studenti, valutare i bisogni e contestualizzare gli approcci. L’importanza di creare esperienze di apprendimento trasformative e la necessità di una riflessione critica su quale pedagogia è più rilevante per il contesto. I programmi educativi devono essere sensibili al contesto; tuttavia, questo non significa necessariamente che nulla sia universale. Concentrandosi sull’ampliamento delle idee, dei valori e degli approcci della “complessità cognitiva degli studenti”, è ancora possibile esplorare concetti come diversità e pluralismo.

L’Unità di Apprendimento: la carovana dei pacifici

Di grande attualità l’Unità di Apprendimento (in continuità) denominata “La carovana dei pacifici (Concetto considerato: pace nel mondo)” realizzata dai docenti dell’Istituto Comprensivo Rossini guidato dalla professoressa Paola Gobbi e destinata agli alunni della classe Quinta della scuola Primaria e della classe Prima della Scuola Secondaria I grado. Hanno collaborato alla realizzazione dell’UdA i docenti professori Albanesi, Greco, Pittori e Sarti. Materie coinvolte: italiano, arte, storia, geografia, inglese e spagnolo, religione, musica.

UDA-IN-CONTINUITA CLASSE-QUINTA CLASSE PRIMARIA-PRIMA SECONDARIA

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur