Educazione alimentare. Il 4% dei bambini in Italia è iperteso, il 20,9% è in sovrappeso e il 9,8% è obeso

di Giulia Boffa
ipsef

Circa il 4% dei bambini e ragazzi italiani ha la pressione alta. Troppe calorie, troppo sale e zucchero nei cibi, vita sedentaria, poco movimento e l’uso eccessivo di internet, tra le cause.

Troppo tempo davanti a pc e smartphone aumenta le possibilità di diventare in sovrappeso: ad affermarlo, in uno studio pubblicato sulla rivista “Journal of School Nursing”, sono i ricercatori dell’ospedale Henry Ford di Detroit.

Il 20,9% dei bambini nella fascia di età 8-9 anni sono sovrappeso e il 9,8% è obeso (secondo il Ministero della Salute). Un bambino sovrappeso su venti ha la pressione elevata e un bambino obeso su quattro è iperteso.

A portare l’attenzione sull’argomento saranno gli esperti che si ritroveranno in occasione del XXXIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Ipertensione Arteriosa, in programma a Firenze dal 6 al 9 ottobre. In occasione dei lavori sarà presentato il primo Gruppo di Studio su ipertensione e rischio cardiovascolare in età pediatrica promosso dalla SIIA in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria (SIP).

Un corso professionalizzante, teorico-pratico – dal titolo “Ipertensione arteriosa nel bambino e nell’adolescente” – sarà interamente dedicato al fenomeno ancora troppo sconosciuto e sottostimato, in apertura del Congresso, il 6 ottobre. Dieci i focus organizzati, tra i quali: “Dimensioni del problema”; “Trattamento dietetico-comportamentale ” e “Se e quando utilizzare i farmaci”.

Tra le cause ci sono anche altre cattive abitudini, come il numero eccessivo di ore che bambini e adolescenti trascorrono davanti al pc, per le implicazioni fisiche, oltre che per quelle psicologiche. Troppo tempo davanti a pc e smartphone aumenta le possibilità di diventare in sovrappeso. Ad affermarlo, in uno studio pubblicato sulla rivista “Journal of School Nursing”, sono i ricercatori dell’ospedale Henry Ford di Detroit.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione