Educazione alimentare a scuola come materia curriculare, parte la raccolta firme

WhatsApp
Telegram

Alla festa per i 20 anni dell’Università di Scienze Gastronomiche, a Pollenzo (Cuneo) si lancia anche la raccolta firme per inserire l’educazione alimentare nelle scuole.

Un’iniziativa – con l’obiettivo di raccogliere un milione di firme – lanciata da Scienze Gastronomiche, Slow Food e dalla rete di Comunità Laudato sì nate dall’enciclica di papa Francesco, si legge su Ansa.

A rilanciare l’appello sono gli altri tre atenei piemontesi: Università di Torino, Politecnico e Università del Piemonte orientale.

Nata e promossa nel 2004 dall’associazione internazionale Slow Food con la collaborazione delle regioni Piemonte e Emilia Romagna – scrive Carlo Petrini, fondatore di Slow Food e presidente dell’Università di Scienze Gastronomiche – è stata la prima, e tutt’ora ancora l’unica università al mondo interamente dedicata allo studio del cibo attraverso la lente delle scienze gastronomiche. Ed è proprio a Pollenzo che le scienze gastronomiche hanno ottenuto dignità accademica: nel 2017 infatti il Miur ha definito due nuove Classi di Laurea in Scienze Gastronomiche basandosi sul modello Unisg”.

In vent’anni di vita – ricorda Petrini – abbiamo laureato 3.800 gastronomi, il 45% dei quali internazionali e provenienti da 101 paesi del mondo. Professionisti in grado di coniugare le esigenze del mondo produttivo con una visione del cibo che sappia rispondere alle sfide economiche, sociali, ambientali e climatiche attuali“.

La posizione del Governo

Quella dell’educazione alimentare a scuola è un tema in realtà molto sentito dagli ultimi governi, compreso quello attualmente in carica.

Il Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, ha espresso il suo pieno sostegno all’iniziativa di inserire l’educazione alimentare nelle scuole, come parte integrante dell’educazione civica.

Non solo: il Ministro ha confermato di aver firmato la petizione di Slow Food per l’inserimento dell’educazione alimentare nelle scuole, condividendone pienamente i contenuti.

Inoltre, Lollobrigida ha avuto un colloquio con il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, il quale ha espresso la sua intenzione di dedicare una parte delle ore di educazione civica alla corretta informazione sull’alimentazione.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri