Educazione sessuale a scuola, stop della Lega: “Faremo muro contro quella porcheria”. Il M5S: “La preistoria è finita. Serve personale formato per i ragazzi”

WhatsApp
Telegram

“Vorrei dire alla sinistra e in particolare al M5S che fino a fine legislatura noi faremo muro contro quella che definisco una nefandezza”.

Lo ha detto in aula il deputato della Lega Rossano Sasso, che critica l’educazione sessuale nelle scuole.

E ancora: “Il 25 settembre dello scorso anno abbiamo vinto noi le elezioni e legiferiamo noi. Voi potete decidere se votare insieme a noi ma non inserendo l’educazione sessuale“.

L’ex sottosegretario all’Istruzione conclude: “Se il Pd, le sinistre i 5 Stelle intendono fare educazione sessuali liberi di farlo nelle loro sedi di partito. Vediamo quanti mamma e papà porteranno lì i loro figli“.

L’opposizione non ci sta e replica subito: “Definire un emendamento una nefandezza è inaccettabile. Non siamo a Kabul ma nella Repubblica italiana“, tuona il verde Angelo Bonelli, secondo cui “Sasso ci riporterà all’oscurantismo“.

Anche dalla deputata M5S Anna Laura Orrico arrivano parole dure contro Sasso.

Stamattina il leghista Rossano Sasso ha usato l’aula della Camera per un ennesimo show vergognoso in cui si è scagliato contro l’educazione affettiva nelle scuole, da lui definita “degradante”. Ebbene, se c’è una cosa degradante è che l’89% dei nostri ragazzi si formi con strumenti come Youporn, non avendo alcun tipo di educazione affettiva nelle proprie scuole“, dice la pentastellata.

Sasso chieda scusa per aver definito “porcheria” e “nefandezza” l’educazione affettiva – prosegue – . Le famiglie non possono essere lasciate sole perché non tutte sono uguali, alcune vivono grandi fragilità e la scuola è unica risposta: se lo Stato mettesse a disposizione personale formato sull’affettività e sulla sessualità sarebbe un valore aggiunto, che Sasso lo capisca o meno. La preistoria è finita 4.000 anni fa”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri