Educare con l’esempio: A scuola di emozioni con Elisabetta Rossini ed Elena Urso

di redazione

item-thumbnail

PubbliRedazionale Edises – “L’educazione non si insegna, si respira!”. Sono le parole di una maestra di scuola elementare, che Francesca de Robertis, autrice di Verdolina scopre il mondo, ha raccolto e scelto come copertina di uno dei suoi ultimi articoli per la rubrica A scuola di emozioni di Edisesblog: L’educazione è una forma d’amore. E dura per sempre… primo episodio. Ed è significativo che vengano proprio da una persona che – per professione – ha il non facile compito di insegnare.

L’italiano, la geografia, la matematica, il disegno tutto può essere insegnato, ma l’educazione no, è un’altra storia, l’educazione proprio non si può insegnare! Si può invece respirare. Si respira in classe, si respira a casa. Ma perché l’aria sia piena di questo ossigeno che aiuta a vivere e a crescere proprio come quello dell’atmosfera, c’è bisogno di un unico, indispensabile, insostituibile fondamento: un adulto che dia l’esempio.

Non solo un esempio “naturale” però, che consiste nel mostrarsi ai piccoli “come si è”, ma anche un esempio “strutturato”, che parta quindi da una riflessione su se stessi e dalla consapevolezza che, quando si diventa genitori, quando si sta davanti a una classe, le proprie azioni e i propri comportamenti hanno un pubblico, esigente, assorbente come una spugna e dotato di sensori capaci di percepire ogni sfumatura dell’anima e ogni incoerenza tra sentire e azione.

Argomento complesso questo, che Francesca de Robertis ha trattato approfonditamente con due pedagogiste un po’ speciali, Elisabetta Rossini ed Elena Urso, autrici, per Edicart, di una collana di manuali per genitori molto amata da mamme, papà, nonne, nonni, ma anche da insegnanti, educatori e da chi più in generale è interessato ai temi pedagogici trattati con grande senso pratico e sentita emozione.

Nei tre articoli che il blog A scuola di emozioni dedica all’argomento dell’esempio nell’educazione, l’ultima fatica delle due pedagogiste di Consulenza familiare, L’educazione è una forma d’amore. E dura per sempre…, diventa lo spunto per una conversazione che spazia dalla riflessione sul modo di essere adulti, alla straordinaria sensibilità dei bambini, dal riconoscimento di una pari dignità a tutte le emozioni, all’importanza di mostrare ai piccoli come fare a gestire anche le emozioni “negative”.

E il risultato non è solo una riflessione astratta, perché tra le righe si leggono consigli pratici semplici e facilmente applicabili che contribuiscono a dare una forma molto più concreta alle parole. Una forma che trova la sua espressione anche in strumenti comuni e allo stesso tempo eccezionali: i libri di fiabe. Libri tanto amati da Occhicielo, la collana di Edises editore che si propone di “educare con le fiabe”. Libri, ancora e sempre protagonisti del dialogo con i più piccoli.

Se volete leggere la serie blog dedicata all’esempio nell’educazione, ecco di seguito i link ai tre articoli.

Primo episodio: Elisabetta Rossini ed Elena Urso ci parlano di come educare con l’esempio

Secondo episodio: Elisabetta Rossini ed Elena Urso ci parlano di come educare alle emozioni con l’esempio

Terzo episodio: Elisabetta Rossini ed Elena Urso ci spiegano come affrontare le emozioni negative nella vita e nelle storie.

E se anche voi siete convinti che l’esempio e il dialogo siano i protagonisti dell’educazione, perché non partire dalla lettura di un libro con i vostri piccoli? Occhicielo vi ricorda che Verdolina è sempre pronta a guidarvi in un fantastico viaggio nelle emozioni. Partenza… immediata!

Versione stampabile
Argomenti: