Editoria, Lattanzio (M5S): avviare percorsi di educazione ai media vecchi e nuovi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato M5S – “Gli Stati Generali dell’Editoria sono un’occasione fondamentale per fare il punto sui problemi e sulle opportunità del mondo editoriale. Questa mattina sono emerse considerazioni importanti che, in qualità di membro della Commissione Cultura, credo sia necessario analizzare e accogliere.

Le nuove professioni che si stanno sedimentando in ambito editoriale entrano in contatto con una realtà caotica, all’interno della quale devono avere un compito specifico: farsi protagoniste di percorsi di media education”.

Lo afferma Paolo Lattanzio, portavoce alla Camera per il Movimento 5 Stelle, intervenendo oggi alla tavola rotonda dal titolo ‘Nuove categorie professionali nell’editoria: criticità e prospettive, nell’ambito degli Stati Generali dell’Editoria promossi dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’informazione e all’editoria, Vito Crimi.

“Ciò che serve è avviare un processo di educazione ai media, quelli nuovi e quelli tradizionali. Un percorso in cui siano coinvolti non solo le studentesse e gli studenti, ma anche i cittadini perché possano accedere sempre più consapevolmente all’informazione”, continua Lattanzio. “Sto insistendo molto sul tema della media education e oggi, al termine di questa tavola rotonda con le categorie del mondo editoriale, ho ascoltato proposte interessanti e condivisibili, di cui mi farò portavoce in Commissione Cultura”, conclude il deputato del MoVimento 5 Stelle.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione