Edilizia scolastica. #scuolebelle: il Governo si impegna a far proseguire i progetti fino al completamento dell’anno scolastico

Proseguire col progetto  “Scuole belle” oltre la scadenza prevista per marzo, arrivando anche alla fine dell’anno scolastico e valutando contemporaneamente la possibilità di una soluzione a regime. 

Proseguire col progetto  “Scuole belle” oltre la scadenza prevista per marzo, arrivando anche alla fine dell’anno scolastico e valutando contemporaneamente la possibilità di una soluzione a regime. 

E’ quanto si è deciso pomeriggio, a Palazzo Chigi, in una riunione- presieduta dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, affiancato dal Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone-  durante la quale il Governo ha anche manifestato la volontà di tutelare i livelli occupazionali di quanti sono impegnati nel programma.

A confrontarsi sul futuro di “Scuole belle”, alti dirigenti dei Ministeri interessati (oltre al Miur, il Mef e il Ministero del Lavoro), le associazioni datoriali e i Sindacati di categoria.

Alla luce dell’intenzione del Governo di studiare le modalità di una prosecuzione del progetto, sono già stati messi in calendario altri due appuntamenti: il 2 marzo al Miur con le parti datoriali e l’8 marzo in Presidenza del Consiglio con le organizzazioni sindacali.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia