Edilizia scolastica in India: presente una grave carenza di servizi igienici

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Nonostante importanti investimenti da parte del governo dell’ordine di oltre 5,5 miliardi di euro nel triennio 2009-2012, almeno 128.000 scuole dell’obbligo (12% delle 1.075.407 esistenti) non avevano ancora lo scorso anno servizi igienici per gli alunni. Lo scrive il quotidiano “The Times of India”.

Il giornale cita un rapporto del Sistema di informazione distrettuale per l’istruzione, secondo cui gli istituti scolastici senza acqua potabile erano ancora nel 2012 ben 61.000 (6%).

L’81,14% delle scuole indiane hanno bagni per i maschi, dei quali pero’ funziona solo il 65,87%.

GB – Nonostante importanti investimenti da parte del governo dell’ordine di oltre 5,5 miliardi di euro nel triennio 2009-2012, almeno 128.000 scuole dell’obbligo (12% delle 1.075.407 esistenti) non avevano ancora lo scorso anno servizi igienici per gli alunni. Lo scrive il quotidiano “The Times of India”.

Il giornale cita un rapporto del Sistema di informazione distrettuale per l’istruzione, secondo cui gli istituti scolastici senza acqua potabile erano ancora nel 2012 ben 61.000 (6%).

L’81,14% delle scuole indiane hanno bagni per i maschi, dei quali pero’ funziona solo il 65,87%.

Il 72,16% di scuole hanno bagni per le ragazze, solo l’84,68% di essi è funzionante.

Nel 2009 il Parlamento indiano ha approvato una legge (RTE Act) in cui si garantisce l’istruzione gratuita ed obbligatoria per i ragazzi fra i sei ed i 14 anni di età.

Versione stampabile
anief
soloformazione