Edilizia scolastica. Crolla l’intonaco dal soffitto: feriti quattro studenti. Nello scorso anno scolastico sono stati 340 gli incidenti per scarsa manuntenzione

Stampa

Quattro studenti sono rimasti feriti a causa del crollo di una parte di intonaco in una scuola media di Gioia Tauro.
Per tre dei ragazzi, che sono stati portati nell'ospedale di Polistena, la prognosi é di dieci giorni, mentre per il quarto é di sette.

Quattro studenti sono rimasti feriti a causa del crollo di una parte di intonaco in una scuola media di Gioia Tauro.
Per tre dei ragazzi, che sono stati portati nell'ospedale di Polistena, la prognosi é di dieci giorni, mentre per il quarto é di sette. Uno dei feriti é stato colpito dall'intonaco in testa e per questo gli é stato diagnosticato un trauma cranico.
Il pm della Procura di Palmi ha disposto il sequestro della classe in cui é avvenuto l'episodio e di quella al piano superior: è in attesa adesso dell'esito degli accertamenti effettuati nella scuola dai vigili del fuoco per verificarne la stabilità strutturale. Ai carabinieri, invece, il magistrato ha delegato le indagini per accertare eventuali responsabilità per il crollo.
 
Secondo l'ultimo rapporto di Cittadinanzattiva  4 edifici su 10 hanno una manutenzione carente, oltre 1 su 5 (21%) presenta lesioni strutturali e in quasi la meta' dei casi (45%) gli interventi necessari richiesti non sono stati effettuati. Il 73% delle scuole si trova in zona a rischio sismico, il 14% a rischio idrogeologico. Nell'anno scolastico 2014-2015, sono accaduti 340 incidenti a studenti e personale.
Il 15% delle aule  presenta distacchi di intonaco o segni di fatiscenza; nel 23% delle classi le finestre non sono integre. Ancora, nella metà delle aule gli arredi non sono a norma, in circa una su cinque ci sono banchi o sedie sono rotti. Mancano scale di sicurezza nel 26% delle scuole, solo il 34% presenta vetrate a norma e le porte con apertura antipanico sono assenti nel 74% delle aule.
In più di un edificio su 4, l'impianto elettrico e' completamente o parzialmente inadeguato. Infine, poco più di una scuola su tre possiede il certificato di agibilità statica (38%), di agibilità igienico-sanitaria (35%) e di prevenzione incendi (32%). 

"La caduta del tetto nella scuola di Gioia Tauro deve farci sospirare perché, per fortuna, nessuno dei quattro bambini rimasti feriti ha riportato lesioni gravi. Certo, però, quanto é accaduto non può sbalordirci, alla luce di una verità consolidata e comprovabile: gli edifici scolastici calabresi 'godono' del primato di essere i più esposti alle irregolarità". Lo afferma, in una dichiarazione, il Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale. "Adesso chi è preposto – aggiunge – non pensi a commentare, bensì ad adeguare gli edifici alle norme. E chi deve sanzionare lo faccia, senza se e senza ma e senza attenuanti di sorta. Chi mette scientemente o per negligenza in stato di insicurezza i bambini, deve risponderne".

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur