Edilizia scolastica, Anci: si passi ai fatti e si eroghino i fondi del precedente Governo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’Anci interviene sull’erogazione dei fondi per l’edilizia scolastica, le cui condizioni non ottimali sono note a tutti.

Edilizia scolastica: erogazione fondi precedente Governo

A parlare, come leggiamo su Askanwes, è Cristina Giachi, presidente della commissione Istruzione, politiche educative ed edilizia scolastica dell’Anci e vice sindaco di Firenze.

La Giachi evidenzia che è necessario passare dalle parole ai fatti ed erogare le risorse stanziate dal precedente Governo:

A fronte di molti buoni propositi e di un miglioramento delle procedure, siamo ancora lontani dal deciso cambio di passo annunciato prima dell’estate e nel precedente Osservatorio; per questo, Anci ha sollecitato il rispetto dei tempi delle procedure: stiamo ancora aspettando l’erogazione delle risorse, stabilite dal precedente Governo, per mettere in sicurezza l’intero patrimonio scolastico”.

Non è una soluzione ottimale, prosegue il Presidente, quella di inserire gli interventi di edilizia nella programmazione ordinaria, in quanto si torna a una logica emergenziale, spesso espressione di trascuratezza amministrativa nel passato, sebbene dipendente da condizioni oggettive o da eventi naturali”.

Edilizia scolastica:

L’Anci, come afferma ancora la Giachi, attende l’approvazione dell’emendamento, che accoglie la proposta dell’Associazione dei Comuni, relativo alla certificazione prevenzione incendi.

La proposta prevede una pianificazione pluriennale ai fini di un progressivo adeguamento alla normativa, anziché continuare a concedere delle proroghe. L’ultima proroga, in ordine di tempo, potrebbe arrivare dal decreto semplificazioni.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione