Edilizia scolastica. 25 cantieri e un investimento di 9 milioni di euro ad Alghero

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato – 25 cantieri [email protected] per quasi 9 milioni di investimento in tutti quartieri di Alghero. Partiranno a giugno e trasformeranno il paesaggio scolastico della città catalana in un sistema d’eccellenza, che conterà anche l’edificazione di una cosiddetta ‘scuola del nuovo millennio’.

Stamattina, nell’Auditorium della scuola media Maria Carta, l’illustrazione dei progetti con il presidente della Regione Francesco Pigliaru, il sindaco Mario Bruno, la dirigente scolastica Angela Cherveddu e gli architetti dello Studio Bargone associati di Roma che hanno progettato la nuova scuola.

[email protected] è un punto d’orgoglio di questa legislatura – ha detto il presidente Pigliaru intervenendo alla presentazione – e l’azione portata avanti per Alghero, sia sul fronte dell’edilizia scolastica che della didattica, è uno splendido esempio di ciò che, in concreto, si sta facendo. Siamo profondamente convinti che la vera crescita, il vero sviluppo, passino attraverso l’istruzione, e il piano straordinario [email protected], nel quale abbiamo investito 300 milioni, porta la Sardegna all’avanguardia in Italia e in Europa. Avere scuole efficienti, sicure, adatte alla didattica moderna, infatti, è elemento di forza nella lotta alla dispersione scolastica e mezzo importante per favorire il miglioramento delle competenze. Noi lavoriamo oggi – ha sottolineato Francesco Pigliaru, ricordando l’apertura di oltre mille cantieri che hanno creato circa tremila posti di lavoro in tutta l’Isola – ma saranno le nostre ragazze e i nostri ragazzi a cogliere i frutti di questo impegno: sapranno trasformarli in opportunità per il loro futuro – ha concluso –, che è il futuro della Sardegna”.

Al termine della presentazione il presidente Pigliaru, che ha ringraziato quanti hanno lavorato per raggiungere questo importante obiettivo, ha visitato con il sindaco Bruno la scuola di via Tarragona che sarà oggetto dell’intervento.

[email protected] Il progetto, avviato nel marzo 2014 con la prima delibera approvata dalla Giunta Pigliaru a pochi giorni all’insediamento, prevede due assi di intervento: riqualificazione e edificazione di nuove scuole. L’obiettivo generale è il miglioramento dell’offerta formativa, la riduzione della dispersione scolastica, la riqualificazione e messa in sicurezza degli edifici scolastici, e la conseguente riattivazione della filiera dell’edilizia. Si tratta di due linee di intervento basate sul protagonismo delle autonomie scolastiche e degli Enti locali della Sardegna, sviluppate anche in collaborazione con il Governo nazionale.

I dati. Per gli interventi nell’edilizia scolastica sono stati stanziati ad oggi 294 milioni di euro. Dal 2014 ad oggi oltre 150mila studenti frequentano scuole più sicure e decorose ed energeticamente più efficienti. Con un investimento di circa 164 milioni di euro, sono stati avviati circa 1.200 interventi di manutenzione straordinaria degli edifici scolastici, oltre l’80% delle scuole sarde. Tutto questo ha avuto positive ripercussioni sul sistema delle imprese: grazie a [email protected] sono stati aperti 1.500 cantieri con oltre 4.000 occupati.

All’orizzonte, grazie a [email protected], ci sono trenta nuove scuole per l’isola. Un investimento di 110 milioni. L’obiettivo è quello di creare una scuola che faccia sistema, incentrata sulla qualità architettonica e sulla sostenibilità ambientale e sociale. Oltre 20 Comuni sono coinvolti in questi progetti. Per realizzare le scuole del nuovo millennio sono all’opera architetti, pedagogisti, ingegneri chiamati a progettarle secondo le esigenze espresse dagli insegnanti, dai dirigenti, dalle famiglie e dagli studenti. I nuovi spazi vengono definiti per la loro funzione didattica. In questo processo grande attenzione viene rivolta anche agli arredi delle scuole.

Tutti a [email protected] Con Tutti a [email protected] si punta sull’innalzamento della qualità della didattica per contrastare la dispersione scolastica, in calo negli ultimi tre anni: dal 23,5% al 18,1%. Solo ad Alghero 9 scuole hanno svolto azioni di recupero delle competenze, avviato laboratori e usufruito del sostegno di psicologi e pedagogisti. Le risorse investite dalla Giunta nel biennio precedente per il programma sono state complessivamente 33,8 milioni. Per quest’anno scolastico 2017/2018 la dotazione sarà di 21 milioni.

Rinnovo arredi. Intanto nelle prossime settimane sarà avviata la linea di azione per il rinnovo di arredi e attrezzature delle scuole. Un investimento di circa 30 milioni per oltre 400 scuole. L’intervento sarà illustrato a tutto il mondo della scuola regionale il 21 e 22 marzo alla Fiera di Cagliari nel corso della manifestazione [email protected] design.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione