Ed. civica: non è un’ora in più ma avrà il voto, deciso chi la insegnerà. In Aula il 29 aprile

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Ed. civica  in formula rivisitata da settembre nelle aule scolastiche: raggiunto in Commissione Cultura alla Camera l’accordo su un testo che verrà votato in Aula dal 29 aprile. 

Non è un’ora in più

Come già anticipato, i costi elevati per l’introduzione di un’ora in più, ha fatto naufragare tale ipotesi.

Si tratterà quindi di 33 ore di insegnamento trasversale, che i singoli Consigli di Classe dovranno ricavare dalle discipline in orario.

Si insegneranno “principi di legalità, cittadinanza attiva e digitale, sostenibilità ambientale, diritto alla salute e al benessere della persona”

Chi la insegnerà

Questo è stato uno dei punti nodali di tutto il dibattito in questi ultimi mesi.

E’ stato stabilito che da tale insegnamento “non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”

L’anticipazione la fornisce il Corriere “Si farà usando i docenti della classe e l’organico dell’autonomia, cioè quegli insegnanti senza cattedra che sono a disposizione nelle scuole dopo la riforma Renzi: molti di loro sono tra l’altro abilitati (alle superiori) per l’area giuridica e dunque avrebbero le competenze adatte. Comunque la legge prevede dal 2020 un fondo di quattro milioni per la formazione dei docenti. L’insegnamento potrà essere anche affidato a più insegnanti in contitolarità, ma ci sarà un coordinatore («al quale non sono dovuti compensi o indennità» per questo incarico) per ogni classe che dovrà dare un «voto in decimi» ad ogni alunno.”

Forse, in futuro, un’ora in più

L’educazione civica, così presentata, rischia di essere una materia-non-materia. E per questo all’articolo 10 è previsto che si possa in futuro aggiungere l’ora di insegnamento ad hoc. Servono i soldi.

Sul ruolo che avrebbero avuto l’ed. civica si erano già espressi il Ministro Bussetti e il Vicepremier Salvini

Ed. civica, Bussetti: non è un’ora in più, consigli di classe decidono temi da approfondire

Salvini “ed. civica da settembre: non sarà un’ora buca. Riportare le regole nelle classi”

Versione stampabile
soloformazione