Ecco “Miassumo”, la prima piattaforma di orientamento gratuita per gli studenti

WhatsApp
Telegram

Sarà presentata domani, 16 novembre, in anteprima  al Salone Orientamenti di Genova con un appello al Ministro Bianchi: 25 ore all’anno per aiutare i ragazzi a misurare le loro competenze, scrivere il loro CV e scoprire le professioni del futuro.

L’81% dei giovani italiani – secondo l’Osservatorio Giovani realizzato dall’Istituto Toniolo – reputa che la carenza di orientamento nelle scuole rappresenti uno dei principali fattori critici di ingresso nel mondo del lavoro. Il 77,5% ha poche certezze sul proprio futuro professionale, in linea con i coetanei francesi (71,2%), inglesi (68,7%), spagnoli (63,3%) e tedeschi  (60%). Il 40% degli studenti, inoltre, ha un’aspirazione lavorativa, ma non sa come realizzarla.

Dall’esperienza di Parole O_stili, maturata in 5 anni di dialogo con due milioni di studenti e 200.000 insegnanti, arriva l’impegno concreto per colmare questo gap. Si chiama #MIASSUMO ed è il primo progetto gratuito di orientamento scolastico rivolto agli studenti dagli 11 ai 26 anni.

La piattaforma #MiAssumo sarà una bussola al servizio dei ragazzi che li aiuterà a crescere sia come persone che come lavoratori e lavoratrici per affacciarsi più facilmente al mondo del lavoro. Durante le 25 ore di formazione annua si alterneranno attività di classe, a gruppi o singole e i giovani alunni saranno guidati nel riconoscere le proprie competenze e preferenze in modo da poter essere meglio orientati nel percorso di studi futuro e per essere messi a conoscenza delle nuove figure professionali esistenti.

Il progetto infatti prevede anche il coinvolgimento diretto delle istituzioni e delle imprese: nel facilitare percorsi Pcto e stage, nell’offrire corsi di specializzazione, nell’organizzare campus estivi per ragazzi, o nel raccontare la loro professione.

Tenendo conto delle differenti età e con l’aiuto di sofisticati meccanismi di gaming i ragazzi potranno iniziare da subito a “scrivere” il proprio curriculum. Ad esempio rispondendo ai quesiti come: “Cosa avrebbe fatto Napoleone se avesse usato whatsapp e Google Maps durante la battaglia di Waterloo?”. Oppure quali sarebbero state le domande che da giornalista avresti fatto a Liliana Segre dopo gli insulti ricevuti per il vaccino?

“L’ambizione più grande di questo progetto non sta nell’introdurre la gamification a  scuola, far partire l’orientamento a 11 anni, o incrociare le competenze di ciascuno con con migliaia di profili professionali. L’ambizione è realizzare un progetto dove coloro che hanno a cuore i nostri giovani e il loro futuro lo dimostrino lavorando  tutti insieme. Un’unica piattaforma dove genitori, insegnanti, istituzioni, aziende per la prima volta insieme, potranno stimolare, accompagnare, facilitare e concretizzare le scelte dei ragazzi. #Miassumo vuole mettersi al servizio del sistema-paese, perché supportare e sostenere la formazione professionale dei nostri studenti significa investire sul futuro del nostro Paese”. – afferma Rosy Russo, fondatrice di Parole O_Stili e ideatrice del progetto #Miassumo – “Al ministro Bianchi chiedo una materia in più. solo così i giovani potranno sviluppare le competenze necessarie alle professioni, colmando il gap dei 223mila profili mancanti (Fonte: Censis-Confcooperative). Devono poter  abitare meglio il futuro, coniugare sviluppo e responsabilità, creatività e rispetto, innovazione tecnologica e senso dell’umano”.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia