E io insegnante di ruolo sono tagliata fuori? Lettera

WhatsApp
Telegram

Inviata da Epifania Conte – Salve , sono Stefania Conte, insegnante di sostegno a scuola primaria, continuo a scrivere alla vostra redazione perché desidero ancora una volta porre l attenzione sul reclutamento docenti per il nuovo anno scolastico. Ho scritto tantissime lettere a varie redazioni per parlare anche di noi docenti di ruolo, a cui non viene riconosciuto nessun merito nessun avanzamento di carriera.

I giorni trascorrono veloci e la mia speranza si sta affievolendo.. Chi mai prenderà in considerazione l’ipotesi di realizzare dei corsi abilitanti con esami finali per favorire dei passaggi di ruolo ad altri ordini di scuola?

A chi importa valorizzare le competenze di quei docenti che desiderano trasferirsi ad altro grado di scuola, avendo già vinto vari concorsi e avendo maturato un ricco bagaglio di esperienza in campo?

Ma a chi può interessare favorire il merito per migliorare anche qualitativamente la scuola?
Essere di ruolo può bastare, ma perché richiedere un altra modalità di reclutamento?

Perché è ancora bello sapere che ci sono docenti motivati, appassionati, che desiderano realizzare ancora dei sogni all’interno del sistema scuola.

La motivazione e la passione dei docenti sono i primi step per favorire l’apprendimento autentico.
Ma questo sembrerebbe non destare attenzione, perché cambiare la modalità di reclutamento??
Meglio i vecchi sistemi legati a dei concorsi tradizionali!
Perché cambiare, perché rivoluzionare?

Cambiare è una scelta di coraggio, è più facile persistere nelle vecchie modalità.
A breve scopriremo le novità sulle procedure legate al reclutamento, magari noi docenti di ruolo non verremo neanche menzionati, ma almeno io avrò detto la mia e chissà che a qualcuno non venga un idea brillante e possa muoversi per realizzare i sogni di quei docenti che ancora zelanti e appassionati aspettano un cambio di rotta… per navigare anche su altri lidi e poter condividere le competenze apprese sino adesso.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito