E’ ingiusto concorrere per un posto che, di diritto, doveva spettare da anni. Lettera

Stampa
A proposito della mia lettera già pubblicata circa un mese fa relativa ai precari di Ed. Fisica abilitati nell' ultimo concorso 1990, vorrei rispondere al commento odierno del Ministro Giannini a proposito della differenza tra l'essere abilitato e partecipare ad un concorso per la futura assunzione. 
A proposito della mia lettera già pubblicata circa un mese fa relativa ai precari di Ed. Fisica abilitati nell' ultimo concorso 1990, vorrei rispondere al commento odierno del Ministro Giannini a proposito della differenza tra l'essere abilitato e partecipare ad un concorso per la futura assunzione. 

Con questa logica e tessendo lodi riguardo al "miglior concorso" che sia mai stato indetto, sta perdendo 
di vista il fatto che, chi aspetta da 26 anni di poter avere un contratto a tempo indeterminato, ha già pagato con il suo precariato e con la qualità della sua vita lavorativa, un prezzo altissimo all'incapacità organizzativa della macchina infernale e perversa del ministero che Lei dirige, essendosi visto accantonato a più riprese innanzitutto da un concorso mai più bandito, in seconda istanza dalle SSiss e successivamente dai TFA.   Come sostengo da tempo in assenza di questi due istituti, gli abilitati da cui attingere dalle graduatorie erano già li, belli e pronti per essere utilizzati e assegnati ad un posto di ruolo,  come peraltro previsto dalla normativa al 50%  rispetto alle GAE.  
Invece le chiamate da queste graduatorie sono state effettuate con il contagocce,  poiché per i motivi già elencati, dal 1990, queste graduatorie di merito,  sono state scarsamente utilizzate. 
È chiaro che nel frattempo chi come me era fuori dai giochi, ha dovuto organizzarsi con un lavoro diverso per vivere, rientrando  nel mondo della scuola solo molti anni più tardi. 
Credo, Ministro Giannini, che paragonare queste situazioni limite a colleghi usciti recentemente da un TFA, e/o magari anche solo neo laureati, sostenendo che "il concorso" è diverso dall'abilitazione all'insegnamento, è una affermazione solo formale, di facciata e se mi permette un po superficiale.  Con questo "meraviglioso concorso", il governo si è messo nella condizione di promuovere nuovi posti di lavoro, tanto osannati e pubblicizzati nei numeri 120.000,  63.712, etc… SENZA AVER SISTEMATO SITUAZIONE PREGRESSE COME QUELLE DESCRITTE.  
In particolare l'Ed.  Fisica, che a differenza di altre classi di concorso si deve risalire come detto al 1990,  non si trovano indicazioni, proposte, approfondimenti di nessun genere. Nel 2012, il famoso concorsone è stato bandito per questa materia, solo in alcune regioni Elea pochissimi posti. 
Vorrei portare all'attenzione del Ministro che è profondamente ingiusto, oltre che poco equo, mettere tutti nella stessa situazione di partenza e costringere precari di 50 anni e oltre (come il sottoscritto), a concorrere per un posto che di diritto, doveva spettare da anni.
La proposta che con rinnovato vigore vado a fare, come peraltro già indicata da tempo anche in una lettera a Lei indirizzata,  presso il suo Ministero, è di attingere  anche per l'anno 2016/17  dalle graduatorie del concorso '90 avviando un periodo transitorio che vada a stabilizzare chi è prossimo alla chiamata e che ha già esperienza di insegnamento, dopodiché iniziare  con le "nuove" procedure.
In attesa di novità,  cordiali saluti.
 
Prof. Gianluca Battini 
 
(Docente  di Ed. Fisica presso il Liceo Marconi di S.Miniato per 8h, I. Comprensivo Curtatone di Pontedera per  6h,  I. Comprensivo Gandhi di Pontedera per 4h, GIÀ titolare nello stesso a.s. fino agli aventi diritto presso I. Comprensivo Gandhi di Pontedera per 10 ore e presso I.Comprensivo De Andrè di S. Frediano per 8 h. – tutto ovviamente nella provincia di Pisa)

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur