Gli e-book sono uno strumento migliore dei libri cartacei per i dislessici

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Uno studio condotto da Matthew Schneps del Science Education Center di Boston su 100 studenti di scuola superiore dislessici  ha rivelato che uno strumento utile nei casi di dislessia si può trovare nei libri elettronici, o in generale in tutti quei dispositivi portatili su cui si possono caricare i propri libri preferiti. 

GB – Uno studio condotto da Matthew Schneps del Science Education Center di Boston su 100 studenti di scuola superiore dislessici  ha rivelato che uno strumento utile nei casi di dislessia si può trovare nei libri elettronici, o in generale in tutti quei dispositivi portatili su cui si possono caricare i propri libri preferiti. 

Il motivo della facilità di lettura risiede nel fatto che nei libri elettronici la riga è più corta e quindi ci sono meno parole per riga, per cui il soggetto dislessico fa meno fatica a seguire il filo della lettura.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare